1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Premafin prosegue con proposta Unipol, in tempi rapidi verificherà offerta Sator-Palladio

QUOTAZIONI Unipol
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Cda di Premafin ha accettato la proposta di Unipol relativa ai concambi finalizzata alla fusione tra le società facenti capo alla famiglia Ligresti e la società bolognese e allo stesso tempo di verificare in tempi rapidi con FonSai e con il sistema bancario i termini e le condizioni della proposta di Sator e Palladio.

In particolare, il board ha deliberato di accettare il riconoscimento a Unipol di una partecipazione al capitale sociale ordinario pari al 61% “sempreché la quota di partecipazione degli attuali azionisti di Premafin non sia inferiore allo 0,85%”, si legge nella nota diramata dalla finanziaria.

Il Cda, prosegue il comunicato, ha ribadito che “pur continuando a sussistere plurime incertezze sulla capacità della società di proseguire la propria attività in regime di continuità aziendale, non vi sono allo stato elementi di novità incontrovertibili tali da indurre a mutare risolutivamente parere in merito alla prosecuzione dell’adozione del presupposto della continuità aziendale sulla base dell’esecuzione dell’Accordo Unipol e la finalizzazione dell’accordo di ristrutturazione dell’indebitamento della Società nel contesto del progetto di integrazione e del piano di risanamento previsti nell’Accordo Unipol”.

Infine, il Cda, nel prendere tale decisione, ha “preso atto della disponibilità manifestata da Unipol (considerate le comunicazioni di Jonella e Paolo Ligresti in merito alla loro decisione irrevocabile di non rinunciare agli impegni di manleva assunti dalla compagnia bolognese) a procedere comunque nella operazione di integrazione rinviando ad una successiva valutazione ed al conseguente confronto con le Autorità di Vigilanza ogni determinazione in merito alle modalità con cui dare attuazione alle richieste contenute nel provvedimento Consob.

Contrastanti i titoli legati alla vicenda a Piazza Affari. FonSai e Premafin cedono rispettivamente il 3,59% a 1,073 euro e il 4,23% a 0,222 euro. In rialzo dello 0,78% a 0,296 euro Milano Assicurazioni e dello 0,71% a 19,76 euro Unipol.