1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Premafin esamina offerta Unipol: Sator-Palladio rimangono alla finestra

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Offerta Unipol all’esame delle banche

Il piano di Unipol per la ristrutturazione del debito di Premafin sarà oggi all’esame delle banche creditrici della holding che controlla Fonsai. Lo ha dichiarato il direttore generale di Premafin, Andrea Novarese, prima dell’odierna riunione con le banche creditrici della holding che controlla Fonsai.  L’incontro è stato preceduto da una riunione delle banche creditrici: Unicredit, Mediobanca, Banco Popolare, Pop Milano, Intesa Sanpaolo , Interbanca e Cariparma.
Da quanto è trapelato la proposta attualmente in esame prevederebbe la trasformazione di una parte significativa del debito in un prestito convertendo a tre anni mentre la parte residuale sarebbe soggetta a riscadenziamento. Ricordiamo che per l’accettazione dell’accordo è necessario il via libera di tutti gli istituti coinvolti.

Sator-Palladio rimangono alla finestra

Nessuna novità è trapelata invece oggi sull’altra offerta avanzata dalla cordata Sator-Palladio; offerta su cui i consiglieri dalla holding avevano preferito rimandare ogni giudizio. Palladio-Sator. Premafin prende tempo

L’offerta avanzata dalla cordata Sator – Palladio, che controllano rispettivamente il 3 e il 5% della compagnia assicurativa, scade formalmente giovedì prossimo 8 marzo. A meno di ulteriori proroghe dei termini, entro la fine di questa settimana dovremmo capire le intenzioni delle banche creditrici di Premafin e quindi chi sarà il soggetto chiamato a risollevare le sorti della disastrata galassia Ligresti.

Qualsiasi sarà l’esito di questa disputa, sembra evidente che la mappa del potere finanziario italiano potrebbe uscirne rivoluzionata. E’ opinione diffusa che sul piatto della bilancia ci siano, oltre al futuro di una delle principali compagnie assicurative italiane, gli equilibri di potere dei maggiori gruppi finanziari del Belpaese.

Per agevolare la lettura dei lettori abbiamo schematizzato i dettagli delle due offerte cercando di evidenziare i principali punti resi noti al mercato.

 
Una partita insomma ancora tutta da giocare. Con risvolti in parte complicati e in parte nebulosi e che, ne siamo certi, riserverà nuovi colpi di scena nelle prossime giornate