1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Premafin: articolo su Il Sole 24 Ore non rappresentativo della realtà dei fatti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Premafin, attraverso un comunicato stampa, precisa che “l’articolo pubblicato in data odierna sul Sole 24 Ore, non è rappresentativo della realtà dei fatti e che, in particolare, le seguenti affermazioni sono destituite di ogni fondamento: ‘in soli due esercizi (il 2009 e il 2010) fuoriesce liquidità netta dalle casse della Premafin quotata per 360 milioni di euro’ e secondo l’autore destinata ai ‘Ligresti’; ‘tra il 2005 e il 2010 Premafin si trovi esposta nel finanziare attività della famiglia per oltre 1,5 miliardi’”. La nota spiega inoltre che “Premafin redige sia il bilancio individuale che il bilancio consolidato il quale recepisce, quale principale componente, i dati consolidati di Fondiaria-Sai (ovvero del gruppo Fondiaria-SAI comprensivo di tutte le sue controllate) in qualità di sua principale controllata. Nello specifico, i dati dei flussi finanziari con parti correlate riportati nel citato articolo di stampa (360 milioni di euro nel biennio 2009-2010) sono tratti dai bilanci consolidati di Premafin e non già dai bilanci individuali della medesima e sono, solo in minima parte (nell’ordine del 2%), riferibili alla società Premafin che, peraltro, non ha mai erogato finanziamenti per ‘…attività della famiglia’. La società ritiene opportuno sottolineare che i flussi finanziari della gestione della società Premafin, stante la sua natura di holding che ricorre anche al debito bancario, sono pressoché esclusivamente riferibili: flussi in entrata flussi in uscita ai dividendi incassati dalle proprie partecipate (principalmente FonSai); prevalentemente al servizio del debito bancario e in via residuale ai costi di funzionamento della società”. La società infine precisa che “nel corso degli ultimi 10 anni a fronte di 280 milioni di euro circa di dividendi incassati, Premafin ha provveduto a distribuire dividendi alla totalità dei propri azionisti per 20 milioni circa”.