Precipita Alitalia, "Ma la nostra struttura è solida ed equilibrata"

Inviato da Maurizio Cappelletti il Ven, 13/10/2006 - 08:40
Quotazione: ALITALIA
Alitalia crolla in Borsa dopo l'allarme lanciato dal governo circa il rischio di fallimento della compagnia aerea. Ieri il titolo ha perduto il 9,15% con scambi pari al 7,4% del capitale. Su richiesta della Consob, l'azienda ha dovuto diffondere alla chiusura dei mercati un comunicato per spiegare agli investitori la sua reale situazione finanziaria. In merito ai commenti espressi da Romano Prodi, che aveva affermato davanti ai sindacati che "per evitare il fallimento" di Alitalia c'era "tempo fino a gennaio", la compagnia sostiene nella nota che la sua struttura finanziaria è "solida ed equilibrata", mentre i rischi d'insolvenza finanziaria per il 2007, così come "le voci in merito alla necessità di una sua ricapitalizzazione", sono "ingiustificati". La palese incomprensione tra il governo e il management potrebbe essere chiarita nell'incontro tra Prodi e l'amministratore delegato Giancarlo Cimoli che si dovrebbe tenere tra martedì e giovedì prossimo. A valle di quell'incontro, Cimoli ha già fissato un cda per giovedì "con all'ordine del giorno deliberazioni in ordine al piano industriale 2007-2009". Il ministro dei Trasporti, Alessandro Bianchi, ieri ha poi spiegato che lo Stato non impiegherà altro denaro pubblico per Alitalia. Gli investitori privati interessati sono dunque benvenuti, mentre "i corvi che aspettano la vittima hanno sbagliato indirizzo". Dal fronte sindacale arriva intanto un dossier sugli effetti dannosi dell'amianto subiti da circa 1500 lavoratori di Alitalia e di cui si chiede il prepensionamento. Secondo l'Economist, infine, "l'Alitalia farà la fine della belga Sabena e della Swissair a causa dello strapotere dei sindacati e dell'incapacità di mettere in atto una strategia di successo".
COMMENTA LA NOTIZIA
starfalcioni scrive...
ulisse3000 scrive...
Piramidas scrive...
codam scrive...