1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Pranzo di Natale, quest’anno costerà il 3% in più rispetto al 2014

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Imbandire la tavola questo Natale costerà mediamente il 3% in più rispetto allo scorso anno, ma non per questo sarà necessario rinunciare ai piatti tipici ai quali gli italiani sono tanto legati. Grazie alle offerte dei supermercati e alle opportunità di risparmio dei coupon è, infatti, possibile preparare un pranzo o un cenone natalizio per 10 persone con meno di 60 euro.
Lo conferma un’indagine condotta da Klikkapromo-Pazzi per le offerte, piattaforma di coupon 100% digitali e di offerte dedicate al mondo della spesa, che ha stimato il costo di un pranzo natalizio per 10 persone e lo ha confrontato con il medesimo menù di dodici mesi prima: 500 gr di salmone affumicato, 1,5 kg di tortellini ripieni, un cotechino e uno zampone da 1 kg, 800 gr di lenticchie, un panettone e un pandoro da 1 kg e 2 bottiglie di spumante. Bollicine, tortellini e zampone trainano la crescita dei prezzi, con rincari pari al 5%. Mentre tra i dolci è il pandoro a far registrare l’aumento più rilevante con un rialzo del 4%. Più lieve, invece, il rincaro del panettone passato da 5,70 a poco più di 5,80 euro per una confezione da 1 kg (+2%).
Dall’indagine sono emerse anche notevoli differenze di prezzo sui singoli prodotti in vendita nelle principali città italiane. È il caso del cotechino, il cui prezzo in promozione per una confezione da 500 gr può oscillare dai 2,90 euro di Roma ai 3,50 euro di Milano, e dei tortellini, il cui prezzo per una confezione da 230 gr può variare da 1,50 euro di Napoli ai 2 euro di Torino.
Per far fronte agli aumenti rilevati e imbandire comunque la tavola delle feste con un occhio al portafoglio, i consumatori possono fare leva sia sulle offerte dei supermercati, che consentono di risparmiare circa il 40% sull’intero menù, sia sui coupon proposti da Klikkapromo-Pazzi per le offerte riducendo il costo del carrello della spesa natalizio di ulteriori quasi 5 euro.