1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Poste Italiane: 30% azioni andranno ai retail, domanda 3,3 volte offerta

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’Ipo di Poste ha attirato richieste per complessive 1.521 milioni di azioni, di cui il 25% dal pubblico indistinto e dai dipendenti del Gruppo Poste Italiane e il 75% da parte degli Investitori Istituzionali. La domanda complessiva di 1.521 milioni di Azioni è risultata pari a circa 3,35 volte il quantitativo massimo oggetto dell’Offerta Globale di Vendita e a circa 3,1 volte includendo anche le Azioni oggetto dell’Opzione Greenshoe. Con riguardo all’Offerta Pubblica sono pervenute richieste di sottoscrizione da parte di 303.536 richiedenti, di cui 26.234 dipendenti del gruppo Poste Italiane. La domanda complessiva di 387 milioni di Azioni pervenuta dal pubblico indistinto e dai dipendenti è stata pari a circa 2,85 volte il quantitativo minimo ad essi destinato (30% dell’Offerta Globale di Vendita). Con riferimento alla domanda da parte degli Investitori Istituzionali, la domanda complessiva di 1.134 milioni di Azioni è stata pari a circa 3,6 volte il quantitativo massimo riservato al Collocamento Istituzionale (70% dell’Offerta Globale di Vendita) e circa 3,1 volte includendo anche le Azioni oggetto dell’Opzione Greenshoe.
In considerazione della suddetta domanda, il Ministero ha deciso di allocare i 453 milioni di Azioni oggetto dell’Offerta Globale come segue: 317,1 milioni di Azioni agli Investitori Istituzionali (70% dell’Offerta Globale) e n. 135,9 milioni di Azioni al pubblico indistinto e ai dipendenti del Gruppo Poste Italiane (30% dell’Offerta Globale). E’ stato altresì deciso di allocare agli Investitori Istituzionali ulteriori 45,3 milioni di Azioni al servizio dell’Opzione Greenshoe. Considerando tali ulteriori azioni, l’Offerta risulta complessivamente allocata per il 72,7% agli Investitori Istituzionali e il 27,3% all’Offerta Pubblica.