1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Il possibile shopping di Generali in Svizzera non stuzzica il mercato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Generali tira il freno. Il titolo del Leone di Trieste segna un ribasso dello 0,22%, passando di mano a quota 22,84 euro. Ieri la compagnia assicurativa ha avuto un guizzo, forando quota 23 euro. A scombussolare un po’ la vita del Leone la notizia che il Credit Suisse ha messo in vendita la propria filiale di assicurazioni Winterthur e ha invitato con una lettera i gruppi finanziari potenziali acquirenti a presentare un’offerta. Lo riferiscono indiscrezioni di stampa, secondo il quale il valore della società è stimato a 5 miliardi di euro. Tra i pretendenti in lizza ci sarebbero Axa, Generali, i tedeschi di Hdi-Talanx e altri gruppi americani, mentre il colosso Allianz non sarebbe interessato. Come accoglie il mercato il papabile shopping in Svizzera di Generali? “Dal punto di vista del business non vedo molta complemetarietà tra Wintethur e Generali”, dice un analista di una primaria banca d’affari. “Generali è sempre rimasta coerente alla sua strategia, dicendo interessata a Germania e Inghilterra e Svizzera. Ma in Svizzera è già presente e ci sarebbe una duplicazione la compagnia triestina alla luce della controllata, Amb Generali”, spiega l’esperto. Sulla stessa onda un altro esperto di una sim milanese: “la notizia serve piuttosto a mettere pepe nella vita del Leone, un titolo che si muove in un range stretto e che il mercato potrebbe riscoprire. La raccolta premi sembra molto positiva: la prima parte dell’anno è andata bene e la seconda potrebbe portare sorprese buone”.