Portogallo: titoli bancari in picchiata, la debolezza contagia Milano e Madrid

Inviato da Valeria Panigada il Gio, 12/04/2012 - 10:14
Tonfo dei titoli bancari in Portogallo. Questa mattina l'azione Banco Espirito Santo ha ceduto fino a 26,7 punti percentuali, scivolando a 85,5 centesimi, e Banco Comercial Português è venuta a perdere circa il 10%. I titoli dei due istituti di credito ora hanno ridotto le perdite e pochi minuti fa cedevano rispettivamente il 15% e il 9%. A scatenare le vendite sarebbe l'aumento di capitale annunciato ieri sera a mercato chiuso da Banco Espirito Santo. Il consiglio di amministrazione della banca ha approvato un aumento di capitale da 1,01 miliardo di euro al fine di aumentare il suo core Tier 1 al 10,75% dal 9,21% e raccogliere risorse per acquistare il 50% dell'unità assicurativa Bes Vida. 
 
Le vendite sui titoli bancari portoghesi hanno appesantito la Borsa di Lisbona, che fin dall'avvio cede circa il 2%. La debolezza ha contagiato poi anche Madrid e Milano. Dopo una partenza positiva, il listino spagnolo perde circa lo 0,8%, mentre a Piazza Affari il Ftse Mib cede lo 0,5%.
 
(notizia in aggiornamento)
COMMENTA LA NOTIZIA