1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Popolare di Intra si difende dopo i rumor su crediti inesigibili

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La stampa finanziaria ieri riportava che Banca Popolare di Intra al 31 marzo di quest’anno aveva 828 milioni di euro di crediti inesigibili, di cui 678 in sofferenza e 150 incagliati. Ieri in serata non ha tardato ad arrivare la replica dell’istituto finanziario, che, a mezzo di una nota stampa, diffusa dietro sollecitazione della Consob, ha fatto sapere che la cifra di 828 milioni è riferibile alla data del 31 marzo 2005 ed “ignora totalmente le riclassificazioni ed i provvedimenti assunti dal consiglio di amministrazione a partire dal ‘profit warning’ del 31 agosto scorso e le decisioni da ultimo adottate in seguito all’intervenuto fallimento di Fin.Part. SpA, che hanno condotto ad accantonamenti complessivi riferiti a tali eventi, rispettivamente per 140 milioni e 38 milioni”. Popolare di Intra segnala inoltre che tra l’ammontare lordo di crediti per cassa ‘deteriorati’ evidenziati dalla Banca nella trimestrale al 30 settembre e quanto riportato dalla stampa finanziaria come crediti inesigibili “si riscontra una differenza nell’applicazione dei criteri di classificazione per circa 150 milioni lordi”. “In ogni caso”, aggiunge la nota, “tali crediti, in gran parte (oltre il 40%) presidiati da garanzie prevalentemente di natura reale, sono attualmente all’esame dei competenti organi aziendali in vista delle necessarie risposte che verranno fornite all’Organo di Vigilanza e alla data odierna si ritiene che eventuali ulteriori accantonamenti che si rendessero opportuni non incideranno in misura sostanziale sui precedenti risultati di periodo già comunicati al mercato”.