Pmi manifatturiero italiano ad agosto ai minimi dei 7 mesi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel mese di agosto il Purchasing managers’ index (Pmi) Rbs/Adaci destagionalizzato, che riflette l’andamento del settore manifatturiero italiano, è sceso per il secondo mese consecutivo, attestandosi a 54,8 punti, il valore più basso degli ultimi sette mesi. “Gli ultimi dati Pmi – commenta Alessandro Mitrovich, direttore generale per l’Italia di Royal Bank of Scotland – forniscono un ulteriore segnale del rallentamento della crescita del comparto manifatturiero italiano durante il terzo trimestre, a causa della contrazione della crescita della produzione e dei nuovi ordini che hanno registratoi valori più bassi in sette mesi. Tuttavia, sia la produzione che i nuovi ordini sono rimasti prossimi a livelli storicamente alti e riflettono una robusta crescita. In considerazione del costo delle materie prime, della più lenta crescita globale e del rialzo dell’euro nei confronti del dollaro, non è del tutto certo che si possa sostenere la crescita al tasso elevato registrato finora quest’anno. Un leggero calo dei livelli occupazionali ed il volume delle commesse inevase, rimasto pressoché invariato in agosto, sono indice di un possibile ulteriore rallentamento della crescita verso la fine dell’anno”.