Pirelli: Rosneft investe 552 milioni di euro, bene il titolo a Piazza Affari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Pirelli positiva a Piazza Affari dopo il raggiungimento dell’accordo sull’entrata di Rosneft nel capitale. Il titolo del gruppo della Bicocca segna sul Ftse Mib un progresso del 2% a 12,24 euro. In particolare, Intesa Sanpaolo, Unicredit, Clessidra e Nuove Partecipazioni hanno perfezionato gli accordi vincolanti con Long-Term Investments Luxembourg in merito all’acquisto del 50% di Camfin per un investimento complessivo di 552,7 milioni di euro.

L’operazione oggetto dell’accordo di massima comunicato il 17 marzo 2014 consisteva nella formazione di una nuova joint venture facente capo per il 50% ad una newco (composta da Nuove Partecipazioni all’80% e da Intesa Sanpaolo e Unicredit ciascuna per il 10%) e per il 50% a Rosneft per detenere la partecipazione Pirelli posseduta da Lauro 61/Camfin. A tal fine era prevista l’uscita da parte di Clessidra, Intesa Sanpaolo e Unicredit dalla joint venture sinora esistente in Lauro 61/Camfin e il contestuale parziale reinvestimento da parte di Intesa Sanpaolo e Unicredit nella suddetta nuova joint venture. All’esito delle negoziazioni condotte a seguito dell’accordo di massima, le parti hanno convenuto di non costituire un nuovo veicolo ma di detenere la titolarità della partecipazione in Pirelli attraverso Camfin che, al termine del processo, sarà partecipata al 50% dall’Investitore Strategico e al 50% da una newco partecipata da Nuove Partecipazioni al 76% e da Intesa Sanpaolo e Unicredit al 12% ciascuno.

Gli accordi vincolanti prevedono che Long-Term Investments Luxembourg acquisti da Clessidra la totalità del capitale sociale di Lauro 54 e, pertanto, indirettamente il 24,06% del capitale sociale di Lauro 61/Camfin e da Intesa Sanpaolo e Unicredit una partecipazione del 12,97% ciascuno del capitale sociale di Lauro 61/Camfin. Long-Term Investments Luxembourg diviene così titolare indirettamente (tramite Lauro 54 e Lauro 61) del 50% del capitale di Camfin; il restante 50% resterà in capo a Nuove Partecipazioni, Intesa Sanpaolo e Unicredit. Camfin sarà titolare esclusivamente della partecipazione azionaria in Pirelli dopo la scissione parziale non proporzionale delle attività diverse da Pirelli. Il closing dell’operazione è previsto entro il 30 giugno 2014.