1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Pirelli, un rimbalzo che permette di incrementare gli short

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La debolezza di questa prima parte del 2011 di Pirelli ha portato in rapida successione al cedimento dapprima dei supporti statici di lungo periodo a 5,77 euro, avvenuta in occasione della seduta del 24 gennaio, e successivamente di quelli di breve di 5,66 effettuata il 28 gennaio scorso. Il trend nel medio/lungo periodo appare dunque destinato a intraprendere un ritracciamento dopo il movimento ascendente che ne ha caratterizzato i corsi nel biennio 2009-2010 nonostante prospettive di crescita a livello di core business migliori dei piani dello stesso top management. A livello fondamentale il prossimo appuntamento di rilievo è fissato per l’8 marzo, giorno in cui il Consiglio di Amministrazione sarà chiamato ad esaminare il progetto di bilancio 2010. A livello operativo eventuali rimbalzi possono essere utili per incrementare o aprire nuove posizioni ribassiste. I primi livelli di supporto significativi sono infatti posizionati all’altezza di 5,35 euro, anche se un test della soglia psicologica dei 5 euro è uno scenario più che plausibile considerando la rotazione settoriale a livello di portafoglio in atto da parte degli investitori istituzionali. Partendo da questi presupposti è dunque possibile posizionare i propri ordini di vendita a 5,695 euro prevedono lo stop in caso di allungo oltre i top intraday del 28 gennaio di 5,73 euro e hanno come target iniziale il test dei supporti a 5,38 euro e come target finale 4,85 euro.