Pirelli, un rimbalzo che permette di incrementare gli short

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La debolezza di questa prima parte del 2011 di Pirelli ha portato in rapida successione al cedimento dapprima dei supporti statici di lungo periodo a 5,77 euro, avvenuta in occasione della seduta del 24 gennaio, e successivamente di quelli di breve di 5,66 effettuata il 28 gennaio scorso. Il trend nel medio/lungo periodo appare dunque destinato a intraprendere un ritracciamento dopo il movimento ascendente che ne ha caratterizzato i corsi nel biennio 2009-2010 nonostante prospettive di crescita a livello di core business migliori dei piani dello stesso top management. A livello fondamentale il prossimo appuntamento di rilievo è fissato per l’8 marzo, giorno in cui il Consiglio di Amministrazione sarà chiamato ad esaminare il progetto di bilancio 2010. A livello operativo eventuali rimbalzi possono essere utili per incrementare o aprire nuove posizioni ribassiste. I primi livelli di supporto significativi sono infatti posizionati all’altezza di 5,35 euro, anche se un test della soglia psicologica dei 5 euro è uno scenario più che plausibile considerando la rotazione settoriale a livello di portafoglio in atto da parte degli investitori istituzionali. Partendo da questi presupposti è dunque possibile posizionare i propri ordini di vendita a 5,695 euro prevedono lo stop in caso di allungo oltre i top intraday del 28 gennaio di 5,73 euro e hanno come target iniziale il test dei supporti a 5,38 euro e come target finale 4,85 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACRO

Stati Uniti: crescita economica ai minimi da tre anni nel Q1

Nel primo trimestre la crescita statunitense si è attestata allo 0,7%, in calo rispetto al 2,1% degli ultimi tre mesi del 2016. Si tratta del dato minore degli ultimi tre anni. Gli analisti avevano stimato un +1,3%.

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

BORSA ITALIANA

Piazza Affari avanti adagio: splende Mediobanca, Atlantia cede terreno

Mattinata interlocutoria per i mercati azionari europei che non si discostano di molto dalla parità quando si è da poco oltrepassata metà seduta. Piazza Affari segna una fra le migliori performance del continente, agevolata dalle ricoperture sui banc…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

MACRO

Istat: industria, a marzo prezzi alla produzione a +3,1% a/a

L’Istat comunica che a marzo l’indice dei prezzi alla produzione dell’industria rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta del 3,1% nei confronti di marzo 2016. I prezzi alla produzione dell’industria, sul mercato interno, diminuiscono de…