1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Pirelli RE: nasce Pirelli RE Opportunities SGR dopo ok Banca d’Italia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Pirelli RE Opportunities SGR ha ricevuto da Banca d’Italia l’autorizzazione per l’esercizio del servizio di gestione collettiva del risparmio. Lo annuncia la società immobiliare in una nota, spiegando che la società di gestione si occuperà della promozione, istituzione e gestione di fondi immobiliari opportunistici di tipo chiuso, riservati a investitori qualificati italiani ed esteri. “Con l’avvio dell’attività della nuova SGR, il Gruppo Pirelli RE intende evolvere il proprio modello di business che prevede oggi l’utilizzo di società di scopo per l’acquisizione e gestione di portafogli opportunistici con un orizzonte temporale di 3-5 anni”, viene spiegato ancora nella nota, aggiungendo che “queste verranno gradualmente sostituite con lo strumento innovativo dei fondi immobiliari opportunistici che favoriscono un migliore funzionamento del mercato e possono offrire un trattamento più efficiente agli investitori”. Si attua, in sostanza, un modello organizzativo più trasparente e già affermato in ambito internazionale, in grado quindi di attrarre un numero più ampio di investitori qualificati esteri, rendendo così più competitivo il mercato italiano. Il primo fondo promosso e gestito da Pirelli RE Opportunities SGR è Spazio Industriale, specializzato in immobili a prevalente destinazione d’uso industriale, logistica ed artigianale, il cui valore potrà ammontare fino a un massimo di 500 milioni di euro al netto del debito. La maggioranza delle quote è stata collocata a investitori istituzionali facenti capo a Cypress Grove International Funds. Anche Pirelli RE partecipa a Spazio industriale con una quota del 35% in joint venture con i medesimi fondi. Spazio Industriale potrà investire sia in immobili già realizzati sia in iniziative di sviluppo attraverso l’acquisto di terreni da edificare. Oggi è stato effettuato l’apporto di 246 immobili, principalmente situati nel Nord Italia, da Olivetti Multiservices, società del gruppo Telecom Italia, per un valore di circa 177 milioni di euro.