FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’ottima intonazione delle Borse mondiali fa da traino anche alle quotazioni di Pirelli. I titoli della Bicocca sono così riusciti ad oltrepassare di slancio le resistenze statiche rappresentate dai top di periodo, toccati a 6,675 euro il 17 ottobre scorso. L’accelerazione ha inoltre consentito di bypassare le resistenze dinamiche offerte dalla trendline discendente disegnata con i massimi decrescenti del 17 e 24 ottobre. La linea di tendenza menzionata è la parte superiore del triangolo all’interno del quale erano inserite le quotazioni dal 17 ottobre. La trendline inferiore è invece stata tracciata con i minimi del 18 e 20 ottobre. A questo punto, considerando che il triangolo è una tipica figura di analisi tecnica di continuazione, il raggiungimento del target naturale di 6,90 euro appare probabile. A sostegno di questa evenienza va ricordato che lo scorso 12 ottobre la chiusura sopra le resistenze di area 5,85 euro aveva permesso il completamento di un testa e spalle rovesciato. In base a questi elementi tecnici, ingressi in acquisto a 5,57 euro hanno come primo target i 6,90 euro e come secondo i 7 euro. Lo stop si avrebbe invece al cedimento dei 6,335 euro.