1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Pirelli, aggiornati i massimi 2012 ora nel mirino ci sono i 9,435 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prese di beneficio quest’oggi su Pirelli che registra una leggera flessione dopo i forti acquisti che hanno caratterizzato l’ottava in corso. La società della Bicocca ha messo a segno una performance settimanale superiore al 15% e scambia al momento sopra i 9 euro per azione dai 7,9 di lunedì. A sostenere il giudizio positivo sul titolo le numerose promozioni arrivate in settimana dagli analisti. In particolare Morgan Stanley ha confermato ieri la raccomandazione “overweight” sul titolo alzando il prezzo obiettivo da 10 a 12 euro. Da un punto di vista tecnico l’allungo di questa settimana è particolarmente significativo, specie se si considera il notevole incremento di volumi che ha accompagnato i rialzi. L’accelerazione ha infatti permesso alle azioni di violare le resistenze dinamiche espresse dalla trendline ascendente di lunghissimo periodo tracciata con i minimi di metà marzo 2003 e di fine luglio 2006. La linea di tendenza in questione, ora transitante in area 8,30 euro, fu violata al ribasso a inizio 2008 e da allora ha sempre ostacolato le velleità rialziste di Pirelli. Emblematico in tal senso il comportamento dell’azione in occasione dei massimi del luglio 2011 e di inizio febbraio 2012. L’indicazione rialzista è stata accompagnata da altri elementi tecnici di stampo long. Oltre alla constatazione che le medie mobili di breve/medio e lungo termine sono state incrociate dal basso verso l’alto, lo scorso 17 febbraio le azioni avevano bypassato le resistenze statiche poste a 7,75 euro. Il ritracciamento di breve che ha caratterizzato i corsi fino ai minimi del 7 marzo a 7,42 euro ha permesso al titolo di scaricare gli indicatori, favorendo così il nuovo allungo. Le indicazioni emerse nel corso dell’analisi consentono dunque di ipotizzare l’implementazione di una strategia long sul pull back dei vecchi massimi di febbraio in area 8,23 euro. Con stop posto sotto i 7,70 euro, il primo target sarebbe a 9,435 euro mentre il secondo sarebbe a 10,50 euro.