1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Il Pil sotto le stime penalizza il biglietto verde

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La crescita economica sotto le stime spinge al ribasso il dollaro. Segno meno per il biglietto verde che nel corso della seconda parte ha pagato pegno alle indicazioni deludenti arrivate dal dato relativo il Pil, salito nel primo trimestre del 2,5% (+0,4% nel Q4 2012), mezzo punto percentuale in meno rispetto alle attese. Poco dopo la chiusura dei listini europei, il dollar index, che misura le performance della divisa statunitense nei confronti di un basket di valute, segna un rosso di 0,28 punti a 82,46 portando il saldo settimanale al -0,3%.

Il calo del greenback è particolarmente evidente nel cross con la divisa nipponica, in rosso di oltre un punto percentuale a 97,917 yen. Nella notte italiana la Bank of Japan ha confermato il costo del denaro nel range 0-0,10% ribadendo di voler portare, nel giro di due anni, il tasso di inflazione al 2%

Secondo l’istituto guidato da Haruhiko Kuroda nel 2013/14 la crescita dei prezzi in versione “core” (al netto di alimentari e energetici) si attesterà allo 0,7% mentre nel 2014/15 il dato è stimato all’1,4% (dallo 0,4% e dallo 0,8% stimato in precedenza). Rivisto al rialzo anche il dato relativo il Pil, visto al 2,9 e all’1,4% (dal 2,3-0,8%).

Sostanziale parità, in attesa della Bce, per il cambio con la moneta unica, che scambia di poco sopra quota 1,3 a 1,3022 usd. Gli analisti sono concordi nel ritenere che l’Eurotower nella riunione in calendario per giovedì prossimo, anche alla luce delle indicazioni deludenti arrivate dalla Germania, taglierà il costo del denaro di 25 punti base. Sui possibili effetti positivi della misura i pareri sono invece discordanti.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ASTA BOND

Italia: Tesoro, mercoledì in asta Bot per 6,75 miliardi

Nell’asta in calendario il prossimo 28 giugno saranno collocati Buoni ordinari del tesoro con scadenza semestrale per 6,75 miliardi. Il 30 giugno scadranno Bot a sei mesi per 6,5 miliardi.

MERCATI

Segno meno per i listini europei

Chiusura all’insegna della prudenza per le borse europee, alle prese con la debolezza del comparto energetico e con indicazioni macro contrastanti arrivate dalla Germania. Il Ftse100 ha terminato l’ultima seduta della settimana con un calo dello 0,2%…

Strategie di investimento

I gestori preferiscono l’azionario europeo a Wall Street. Il report di Bank of America

La crescita economica sotto le stime spinge al ribasso il dollaro. Segno meno per il biglietto verde che nel corso della seconda parte ha pagato pegno alle indicazioni deludenti arrivate dal dato relativo il Pil, salito nel primo trimestre del 2,5% (+0,4% nel Q4 2012), mezzo punto percentuale in meno rispetto alle attese. Poco dopo […]

PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Italia: ancora indietro sui tempi di pagamento della Pa

L’Italia continua a portare la maglia nera nella classifica dei tempi effettivi di pagamento da parte della Pubblica amministrazione (Pa). Secondo l’ultimo rapporto di Intrum Iustitia, le imprese italiane pagano a 52 giorni contro 37 della media euro…