1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Pil, Nomisma: l’entrata nel 2014 si presenta priva di spinta, bisogna accelerare

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“Preannunciato dal calo della produzione industriale di dicembre, il stato sul Prodotto interno lordo (Pil) del quarto trimestre 2013 segna un mini-rialzo dello 0,1%” dichiara Sergio De Nardis, capo economista di Nomisma, commentando i dati presentati oggi dall’Istat. “E’ deludente: prima di conoscere il dato dell’industria si sperava in qualcosa di più. Almeno trova conferma, dopo nove trimestri, l’aspettativa di un ritorno dell’attività economica in territorio marginalmente positivo – sottolinea De Nardis – Anche la flessione annua per l’intero 2013, pari a -1,9% corretta per gli effetti del calendario, è peggiore di un decimo di punto dei preconsuntivi. Sommando questa riduzione a quella del 2012, si arriva a una caduta di Pil 2012-13 di circa il 4,5%: è la seconda recessione, da cui ci si deve risollevare”.
“L’entrata nel 2014 è, però, priva di spinta. La crescita “di consenso” di un pur modesto +0,7% per quest’anno è tutta da guadagnare. Sulla base delle tendenze si è più vicini a uno 0,5% che a uno 0,7%: occorre accelerare” conclude De Nardis.