1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

A pieno ritmo la privatizzazione delle Cajas. Altre 4 casse di risparmio si fanno in una

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Procede a pieno ritmo la corsa alla privatizzazione delle casse di risparmio spagnole. Questa mattina un gruppo di altre quattro casse di risparmio ha annunciato la loro trasformazione in banca con il trasferimento delle loro attività a una nuova entità Bmn ossia Banco Mare Nostrum. Gli istituti coinvolti nell’iniziativa sono Caja General de Ahorros de Granata, Caja de ahorros de Murcia, Caixa d’Estalvis del Penedes e Sa Nostra Caixa de Baleares.


Il trasferimento effettivo delle attività finanziarie a BMN sarà effettuato nel corso dei prossimi mesi, hanno precisato, secondo le note consegnate all’Autorità di Borsa, i quattro istituti, che in precedentza si erano riuniti sotto la forma di un sistema istituzionale di protezione (Sip). Un modello che permette a ogni cassa di restare relativamente autonoma, pur creando una solidarietà finanziaria tra esse. Ma oggi la svolta. L’integrazione del sistema finanziario spagnolo ha ricevuto ieri un’ulteriore spinta dal Governo, che ha chiesto alle casse di risparmio di trovare entro settembre circa 20 miliardi di euro, soprattutto presso i privati.

In caso contrario, ossia se le casse non metteranno in ordine i loro conti aumentando il core capital all’8% e non daranno spazio all’ingresso di soci privati la via obbligata sarà la nazionalizzazione pro tempore. Vale a dire dell’intervento diretto nel loro capitale del Frob, il famoso fondo pubblico appositamente creato per intervenire nelle casse in crisi e che oggi ha già staccato un assegno di 15 miliardi di euro.


L’esecutivo ieri ha messo le cose in chiaro: ha agitato la minaccia di questa nazionalizzazione parziale per una durata massima di 5 anni, che passerebbe comunque tramite la trasformazione in banca delle casse. Sette casse di risparmio spagnole fra cui la più vecchia del Paese, Caja Madrid, avevano già previsto venerdì scorso il trasferimento dei loro attivi e passivi a una nuova banca sorta dal loro raggruppamento. Il risultato di questo matrimonio prevede la quotazione in Borsa prossimamente.