Picconata S&P sugli Usa. Giù i listini. Per esperti cambia il sentiment da qui all'estate -1

Inviato da Micaela Osella il Lun, 18/04/2011 - 16:02
Brusca frenata dei listini su entrambe le sponde dell'Atlantico, dopo la notizia che l'agenzia di rating Standard & Poor's ha tagliato l'outlook degli Stati Uniti a negativo da stabile, lasciando il rating tripla A. Parigi cede il 2,26%, Francoforte l'1,87% e a Milano il Ftse Mib scivola del 2,7% e l'All Share del 2,51%. Non va meglio a Wall Street. Il Dow Jones perde l'1,4%, a 12.169,43, il Nasdaq arretra dell'1,39%, a 2.726,11, e lo S&P 500 lascia sul terreno l'1,36%, a 1.301,70. La decisione di Standard & Poor's di portare a negative le prospettive sul merito di credito degli Usa significa che c'è almeno una probabilità su tre che possiamo tagliare il rating di lungo termine entro due anni, segnala in una nota Nikola Swann, un analista del credito dell'agenzia di rating. A Londra diversi operatori segnalano che la discesa delle Borse è un passo obbligato. "Ci sono volumi, i listini vengono spinti al ribasso volutamente: potremmo essere di fronte a un cambio di sentiment sui mercati", segnala un trader nella City.
COMMENTA LA NOTIZIA