1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari su, Mediobanca ed Rcs a ritmo di samba

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’estate avanza. Anche a Piazza Affari c’è aria di vacanza, di gossip finanziari, di volumi ridotti e di operatività al minimo. La Borsa milanese è andata dritta alla meta. La buona intonazione di Wall Street ha sostenuto l’andamento dei listini europei. E Milano non ha mancato l’occasione. Incuranti della nuova impennata del petrolio, che oggi ha aggiornato i suoi massimi oltre 64,27 dollari al barile per poi rintracciare nel pomeriggio, e dando per scontato il ritocchino che la Fed darà questa sera ai tassi l’S&P/ Mib ha chiuso in rialzo dello 0,61% a quota 33.753 punti, il Mibtel in progresso dello 0,54% a quota 25.846 punti. La colonnina del mercurio è salita, e tanto, all’ombra della Madunina. Il comparto energia ha fruttato la corsa del greggio. Eni (+0,85%) si è portata a cavallo di 23,82 euro con Saipem (+2,29% a 13,06 euro). A monopolizzare l’attenzione però è stato soprattutto l’affaire Rcs. Era inevitabile: il banchiere Ubaldo Rivolsi vicino a Berlusconi ha confermato ieri un progetto con Stefano Ricucci e soci esteri per scalare Rcs e in Borsa sono scattati gli acquisti. Un’onda lunga che non si è placata nemmeno oggi. Il titolo della holding di via Solferino ha tagliato il traguardo in progresso dell’1,57% scambiando a quota 6,35 euro. Ancora lontano però dalla soglia degli 8-8,40 euro, indicata dagli immobiliaristi, come target per il lancio dell’Opa. Quindi l’unica cosa da fare è ancora e sempre rastrellare.