1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari strappa al rialzo su calo tensioni politiche

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli acquisti tornano a fare capolino sul listino milanese che inaugura nel migliore dei modi il mese di ottobre. A dettare i tempi sul parterre di Piazza Affari sono state anche oggi le vicende politiche. cresce infatti l’ottimismo circa la possibilità che il premier Letta domani incassi la fiducia per continuare l’esperienza di governo. In tal senso il senatore Pdl, Carlo Giovanardi, ha affermato che ci sono i numeri per mantenere l’equilibrio di governo con oltre 40 senatori Pdl pronti a votare la fiducia. L’indice Ftse Mib ha così archiviato la giornata con un balzo del 3,11% a 17.977 punti, segnalandosi come la migliore piazza europea. Il rally di fine seduta è stato anche favorito dal progresso dell’indice Ism manifatturiero statunitense (56,2 punti a settembre), oltre le attese del mercato.
A fine giornata primeggiano i titoli bancari coadiuvati dalla discesa dello spread sotto i 270 punti base. In testa Ubi Banca con un rally del 6,31%, seguita da Intesa con +5,7% e Unicredit con +5,65%.
Tra i migliori di giornata anche Finmeccanica (+6,15% a 4,694 euro) dopo che Atr si è aggiudicata una maxi commessa in Indonesia. La joint venture paritetica tra la controllata di Finmeccanica, Alenia Aermacchi, ed Eads ha siglato un’intesa con la compagnia aerea nazionale indonesiana Garuda e con la società di leasing danese Nordic Aviation Capital per 35 nuovi ATR 72-600 che entreranno nella flotta di Garuda a novembre. Il contratto, che include 25 ordini fermi e 10 in opzione, ha un valore di 840 milioni di dollari.
Tra le blue chip di Piazza Affari nuovo sprint per Telecom Italia (+5,16% a 0,6415 euro) che bissa l’ottima performance di inizio ottava. In attesa del consiglio di amministrazione del colosso tlc in programma per giovedì 3 ottobre che secondo le numerose indiscrezioni dovrebbe vedere le dimissioni del presidente Franco Bernabè a favore dell’attuale Ad di Poste Italiane Massimo Sarmi, gli analisti di Goldman Sachs hanno riaffermato il loro giudizio buy sul gruppo telefonico. Secondo gli esperti della casa d’affari statunitense il cda di giovedì potrebbe modificare la strategia del gruppo con decisioni in particolare sulla divisione sudamericana Tim Brasil. La banca d’affari ha posto un target price per il titolo ordinario a 0,76 euro, mentre per le azioni di risparmio il target è fissato a 0,65 euro.