1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari riprende a correre dopo lo stop di ieri, Ftse Mib guadagna quasi l’1% -1-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo un avvio piatto, la Borsa di Milano ha consolidato i guadagni nel pomeriggio, grazie alla forza delle banche e delle tlc in una giornata dove a farla da padrone sono state ancora le trimestrali negli Stati Uniti. Anche Wall Street, in rialzo sui conti della Boeing, ha contribuito a dare slancio alla piazza milanese. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,91% a 21.425 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,81% a quota 21.975.

Sul listino hanno brillato i titoli bancari con Intesa SanPaolo e Unicredit salite rispettivamente dell’1,73% a 2,647 euro e dell’1,25% a 1,938 euro. Bene anche Ubi Banca (+1,60% a 7,92 euro) e Banco Popolare (+0,58% a 4,35 euro). In corsa Fiat (+0,69% a 11,72 euro), in attesa dei risultati del trimestre. A contribuire all’andamento i risultati di Peugeot. Il secondo produttore di automobili in Europa ha alzato le proprie stime per l’intero esercizio, dopo aver annunciato un rialzo del 10% dei propri ricavi nel terzo trimestre, al di sopra delle attese. Il fatturato di Psa è salito a 13 miliardi di euro dagli 11,8 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Sulla base di tale risultato, il gruppo francese ha dichiarato che l’utile operativo dell’intero anno supererà la precedente stima, ferma a 1,5 miliardi di euro.

Positiva anche Telecom, con un balzo dell’1,89% a 1,078 euro. Secondo quanto ricostruito da il Corriere della Sera Cesare Geronzi non sarebbe soddisfatto dell’attuale gestione di Telecom Italia. Da qui sarebbe nata l’idea di proporre un cambio del vertice alla scadenza del consiglio di amministrazione del gruppo tlc in primavera, ovvero a maggio 2011. E tra i papabili alla poltrona di Bernabé il quotidiano di Via Solferino scrive che sarebbe saltato fuori anche il nome dell’ex amministratore delegato di Unicredit, Alessandro Profumo.