1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari rimbalza nell’ultima seduta della settimana -1-

QUOTAZIONI Banco Bpm
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Rimbalzo riuscito. La Borsa di Milano ha chiuso l’ultima seduta della settimana in deciso rialzo dopo la debolezza degli ultimi giorni. Il listino meneghino ha accelerato al rialzo dopo la pubblicazione degli ordini di beni durevoli Usa. Un dato che, depurato dalla componenti trasporti, ha mostrato ad agosto un progresso del 2% superando le attese che indicavano +1%. Sul fronte europeo l’indice Ifo tedesco ha toccato il livello più alto dal luglio 2007: 106,8 punti dai precedenti 106,7, oltre le previsioni degli analisti che indicavano 106,4 punti. Stasera invece riflettori accesi sul presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che terrà un discorso sulla crisi finanziaria presso l’Università di Princeton. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato l’1,70% a 20.607 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dell’1,57% a quota 21.173.

Rialza la testa il comparto bancario dopo la debolezza delle ultime sedute. Il Monte dei Paschi ha guadagnato il 3,18% a 1,037 euro sfruttando l’upgrade da parte di Credit Suisse. Gli analisti della banca elvetica hanno alzato la raccomandazione sulla banca guidata da Giuseppe Mussari a ouperform dal precedente neutral. “Nonostante le nuove regole di Basilea 3 non allontanino il rischio di una ricapitalizzazione per Mps, riducono in maniera considerevole la taglia di un possibile aumento di capitale”, scrive il broker svizzero nella nota odierna raccolta da Finanza.com. Sempre oggi Credit Suisse ha ribadito outperform sul Banco Popolare, alzando il presso obiettivo a 6,2 euro dal precedente 6 euro. Il titolo dell’istituto scaligero ha chiuso in progresso del 2,17% a 4,717 euro. Unicredit (+3,28% a 1,89 euro) sempre al centro della scena. Secondo il Financial Times, il degno candidato alla successione di Alessandro Profumo è l’ex amministratore delegato di Capitalia, Matteo Arpe. In grande spolvero anche Intesa SanPaolo (+3,28% a 2,44 euro), Ubi Banca (+1,35% a 7,15 euro) e Popolare di Milano (+1,68% a 3,64 euro).