1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari: pioggia di dividendi. Tra le big Intesa SanPaolo, Generali, UnipolSai

QUOTAZIONI Generali AssIntesa SanpaoloUnipolsai
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Quella di oggi si conferma la sessione più ricca dell’anno per gli azionisti delle società quotate a Piazza Affari. In arrivo una pioggia di dividendi da 22 aziende quotate sul Ftse Mib, soprattutto del settore bancario e industriale.

Ma in tutto sono 63 le società che staccano il dividendo.

In particolare, in termini di valore di mercato le principali saranno Intesa San Paolo e Assicurazioni Generali. La prima paga un dividendo per le azioni ordinarie del 6,39% e per le risparmio del 7,12%, per un valore complessivo di circa 3 miliardi, mentre Generali stacca una cedola del 5,2%, per circa 1,2 miliardi di euro.

Anche Azimut e UnipolSai pagheranno una cedola superiore al 5%, mentre leggermente al di sotto delloa soglia sono Snam, Unipol e Italgas (al primo dato dopo lo scorporo e la quotazione).

Presente anche Leonardo-Finmeccanica che paga 14 centesimi (lo 0,94%), tornando al dividendo dopo alcuni anni.

Sempre tra le altre big svettano anche Bper, Tod’s, Campari, Snam, Atlantia, Ferragamo, Moncler, Italgas, Tenaris, Luxottica, A2A, Banca Generali, Ubi Banca.

A staccare il dividendo, inoltre, 41 aziende quotate sull’MTA e Aim Italia, come Caltagirone, Rai Way, Inwit, Cairo Communication, Parmalat, Tod’s, Fila, Geox, Cir, Cementir, Salini Impregilo, Saras.

E ancora Basic Net, Be, Brembo, Brunello Cucinelli, Buzzi Unicem, Cattolica Ass, DiaSorin, EI Towers, Elettra Investimenti, Enav, Enervit, ePrice, Erg, First Capital, Igd, Ima, Irce, Marr, Masi Agricola, Panaria Group, Pop. Sondrio, Ratti, Sias (saldo), Snam, Sol, Triboo, Vianini.

Tra i titoli del Ftse Mib al momento particolarmente penalizzati dallo stacco del dividendo, si mettono in evidenza Snam, con un calo superiore a -5%, UnipolSai, Intesa SanPaolo che cedono tutti più del 4%. e Italgas, in perdita di oltre il 3%.

Così commenta Pietro Di Lorenzo, amministratore unico di SOS Trader, nella sua newsletter “Buy & Sell”:

“Sarà molto importante valutare il comportamento degli operatori nelle prossime sedute in quanto si capirà se reinvestiranno sul mercato le corpose cedole incassate (auspicando un mercato rialzista nel 2° semestre 2017) o preferiranno consolidare, tirando i remi in barca”. Riferendosi alla recente performance dell’indice Ftse Mib, Di Lorenzo sottolinea:

“Il FtseMib disegna una Long white che prosegue la reazione partita giovedì dai minimi in area 20.800. L’indice italiano mostra maggior forza relativa rispetto alle principali borse europee chiudendo la settimana sostanzialmente invariata (-0.04%) grazie a un corposo recupero dopo il sell off di mercoledì”.