Piazza Affari la migliore d'Europa: brillano Intesa Sanpaolo e Unicredit, male Fiat -1

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 19/10/2011 - 17:44
La Borsa di Milano ha archiviato la seduta in rialzo conquistando il titolo di miglior piazza europea, nonostante il debole avvio di Wall Street. Ha influito positivamente la voce su un possibile accordo tra Francia e Germania su un ulteriore rafforzamento di almeno mille miliardi di euro del Fondo salva-stati europeo. Ma più in generale si è fatto sentire l'ottimismo circa la possibilità di una risoluzione della crisi del debito nel Vecchio Continente in occasione del vertice Ue programmato per il 23 ottobre. Intanto sembra sbloccarsi l'empasse sulla nomina del nuovo governatore di Banca d'Italia. Il premier Silvio Berlusconi ha infatti annunciato che giovedì sarà reso noto in via ufficiale il nome del successore di Mario Draghi. E così a Piazza Affari il Ftse Mib è avanzato del 2,02% a 16.293 punti mentre il Ftse All Share si è attestato a 17.036 punti in progresso dell'1,67 per cento.
Brillante oggi il comparto bancario. Intesa Sanpaolo si è aggiudicata la maglia rosa del listino meneghino chiudendo con un rialzo del 7,32% a 1,335 euro. Secondo piazzamento per Unicredit (+5,20% a 0,96 euro) nonostante l'accusa di frode fiscale. Positive anche Mediobanca (+1,75% a 6,10 euro), Banco Popolare (+2,85% a 1,229 euro), Ubi (+1,49% a 3,13 euro), Bpm (+0,28% a 1,773 euro) e Mps (+1,20% a 0,395 euro).
Buone performance anche per Ansaldo Sts (+3,23% a 7,99 euro). L'appeal speculativo sul titolo, già molto elevato, è stato alimentato da alcune dichiarazioni dell'Ad di Finmeccanica (riprese dall'Ansa), Giuseppe Orsi, secondo cui le attività civili del colosso pubblico o subiscono un processo di aggregazione oppure falliscono perché la società non ha le risorse da investire per far ripartire queste attività.
COMMENTA LA NOTIZIA