Piazza Affari e le borse europee chiudono in ribasso

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 27/12/2012 - 09:11
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso, frenata dalla performance negativa del comparto bancario. Sulle banche hanno prevalso le prese di beneficio oltre alla risalita dello spread sopra la soglia psicologica dei 300 punti base. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,40% a 16.333 punti. Vendite sui titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha ceduto il 2,68% a 1,235 euro, Popolare di Milano il 2,05% a 0,444 euro, Monte dei Paschi l'1,75% a 0,218 euro, Ubi Banca l'1,37% a 3,464 euro, Unicredit il 2,05% a 3,718 euro, Intesa Sanpaolo l'1,30% a 1,295 euro. Finmeccanica ha lasciato sul parterre l'1,68% a 4,328 euro nel giorni in cui General Electric ha annunciato l'acquisto della divisione aeronautica di Avio per 3,3 miliardi di euro. Male anche Fiat che ha perso l'1,45% a 3,804 euro, mentre Eni (+0,16% a 18,53 euro) ha firmato un accordo quadro con Anadarko Petroleum che stabilisce i principi fondamentali per lo sviluppo coordinato dei giacimenti di gas naturale nell'offshore del Mozambico.

Seduta all'insegna della prudenza per gli altri listini europei. Il tedesco Dax ha terminato con un rosso di mezzo punto percentuale (-0,47%) a 7.636,23 punti, -0,31% per il Ftse100 a 5.939,99 e -0,15% del Cac40 a 3.661,4. L'unica piazza a chiudere con il segno più è Madrid che grazie a un +0,32% è salita a 8.291.
COMMENTA LA NOTIZIA