Piazza Affari e le altre borse europee chiudono positive

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 19/07/2012 - 08:54
La Borsa di Milano ha chiuso in positivo ma la cautela rimane d'obbligo all'indomani delle parole di Ben Bernanke, che ha tagliato le stime sulla crescita Usa e non ha fatto accenni precisi ad un nuovo round di QE. L'indice Ftse Mib ha rialzato la testa ed ha chiuso con un rialzo dello 0,43% a 13.594 punti. A favorire il recupero l'andamento positivo di Wall Street. Stm (+6,53% a 4,046 euro) e Mediaset (+4,64% a 1,353 euro) regine del Ftse Mib. Eni non ha perso tempo ad uscire dal capitale di Snam. I due titoli hanno viaggiato a due velocità: Eni è salita del 2% a 16,82 euro, mentre Snam ha indossato la maglia nera con un -4,76% a 3,358 euro. Contrastato il comparto bancario: Intesa SanPaolo ha guadagnato il 2% a 0,996 euro, Mediobanca lo 0,71% a 2,842 euro, Ubi Banca lo 0,27% a 2,22 euro. Sono invece finite in rosso Monte dei Paschi (-2,78% a 0,171 euro), Unicredit (-0,93% a 2,558 euro) e Popolare di Milano (-0,24% a 0,327 euro).

Chiusura con un netto segno più per i principali listini del Vecchio continente. Il Dax ha terminato gli scambi con un progresso dell'1,62% a 6684 punti, mentre il Cac40 ha guadagnato l'1,84% a 3235 punti. Il Ftse100 britannico ha invece segnato un +1,01% a 5685 punti. Più nelle retrovie l'Ibex spagnolo, con un limitato +0,29% a 6577 punti. A livello settoriale, la volata è stata tirata dai titoli tecnologici e dell'auto, mentre sono stati solo frazionali i rialzi di utility e real estate.
COMMENTA LA NOTIZIA