Piazza Affari in profondo rosso con le banche, Ftse Mib chiude con un calo di oltre il 3%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in deciso ribasso affossata dalle vendite che hanno colpito il settore bancario. La Spagna è tonata a spaventare gli investitori. Il premier iberico, Mariano Rajoy, in un’intervista al Wall Street Journal ha fatto sapere questa mattina che la Spagna è pronta a chiedere aiuto qualora i costi per rifinanziarsi sul mercato resteranno troppo alti. Sul secondario è tornata subito a farsi sentire la pressione: lo spread Btp-Bund è salito oltre quota 370 punti base. A pesare il taglio di ieri da parte di Standard & Poor’s sulle prospettive di crescita della zona euro: in particolare, gli analisti prevedono ora per il 2012 una contrazione del Pil europeo pari allo 0,8% dal -0,7% stimato in precedenza, mentre per il 2013 prevede una crescita invariata rispetto al precedente +0,3%. Non ha aiutato nemmeno il deludente dato sulle vendite di nuove case negli Stati Uniti, che ad agosto hanno mostrato una flessione dello 0,3% mentre gli analisti indicavano un rialzo del 2,2%. E così a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto il 3,29% a 15.408 punti.

Pesanti le vendite sui titolo del comparto bancario: Ubi Banca ha ceduto il 5,78% a 2,966 euro, Popolare di Milano il 5,70% a 0,425 euro, Banco Popolare il 6,18% a 1,199 euro, Unicredit il 5,03% a 3,324 euro, Intesa SanPaolo il 4,68% a 1,221 euro, Monte dei Paschi il 4,15% a 0,23 euro. Male anche gli altri del comparto finanziario: Generali ha lasciato sul parterre il 3,81% a 11,37 euro, Mediolanum è arretrata del 5,27% a 3,43 euro. Tra i peggiori Mediaset (-4,84% a 1,535 euro) e STM (-4,21% a 4,28 euro), quest’ultima in scia al warning lanciato da Infineon su questo trimestre e sul prossimo. Fiat ha perso il 3,87% a 4,322 euro dopo aver ceduto ieri oltre 2 punti percentuali in scia alla debolezza dell’intero comparto europeo dell’automotive. Impregilo ha perso l’1,67% a 3,18 euro all’indomani della riunione del Cda in cui si è siglato l’accordo strategico con il gruppo Salini e ribadita la rifocalizzazione sulle attività di costruzione e la cessione degli asset no core.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Borse europee caute, indicazioni deludenti dal Pil a stelle e strisce

Chiusura di settimana all’insegna della debolezza per le borse europee. A Londra il Ftse100 ha terminato a 7.203,94 punti, lo 0,46% in meno rispetto al dato precedente, il Dax si è fermato a 12.438,01 (-0,05%) e il Cac40 a 5.267,33 (-0,08%). Sopra la…

USA

Wall Street si muove incerta dopo dato deludente Pil

Wall Street si muove incerta dopo il deludente dato sul Pil che nel primo trimestre è cresciuto al ritmo più debole degli ultimi tre anni. L’indice Dow Jones scivola dello 0,12%, l’S&P500 segna un -0,06% e il Nasdaq sale dello 0,08%. …

Borse europee aprono poco mosse all’indomani della Bce

Le Borse europee hanno aperto poco mosse all’indomani della Bce che ha confermato la sua politica monetaria. Dall’Eurotower non sono arrivati per la verità spunti di rilievo in vista dell’incontro dell’8 giugno in cui saranno presentate le previsioni…

Borsa di Tokyo chiude in moderato calo

La Borsa di Tokyo ha chiuso in moderato calo, con gli investitori che si muovono più cauti dopo l’euforia di inizio settimana. L’indice Nikkei ha terminato in ribasso dello 0,29%, a 19.196,74 punti e il Topix ha ceduto lo 0,32% a 1.531,80 punti. Dive…