Piazza Affari in forte ribasso, nuovo record per lo spread Btp/Bund

Inviato da Alberto Bolis il Ven, 08/07/2011 - 10:39

Forte accelerazione al ribasso a Piazza Affari, dopo un avvio piatto, in coincidenza con l'allargamento dello spread Btp/Bund, giunto a toccare un nuovo record storico di 234,5 punti base. Per l'Italia non si tratta proprio di una bella notizia, visto che un rincaro dell'1% medio annuo costerebbe 18 miliardi di interessi in più. Un valore che equivale a quasi un quarto dell'ultima manovra da 68 miliardi di euro.

Pesa ancora la decisione di Moody's di declassare a "spazzatura" il rating del Portogallo. Secondo l'agenzia di valutazione, fortemente criticata dalle istituzioni europee, esiste il rischio reale che il Paese lusitano debba ricorrere ad un secondo pacchetto di aiuti. Una sorta di Grecia 2 che ha fatto crescere il nervosismo anche sul mercato obbligazionario. Il differenziale tra i Bonos lusitani a dieci anni e il Bund tedesco ha superato i 1.000 punti base, con un rendimento arrivato oltre i 13 punti percentuali.

Il mercato è in attesa oggi degli importanti dati sul mercato del lavoro statunitense relativi al mese di giugno: le no farm payrolls dovrebbero mostrare un incremento a 154 mila unità contro i 54 mila posti di lavoro creati lo scorso mese, mentre il tasso di disoccupazione è previsto invariato al 9,1%. E così, nell'attesa, a Piazza Affari il Ftse Mib cede lo 0,03% a 19.726 punti, mentre il Ftse All Share arretra dello 0,02% a quota 20.462. Grande attenzione sul comparto bancario dopo che ieri la Bce ha alzato i tassi d'interesse all'1,5%.

Trichet ha spiegato che la nuova stretta monetaria è "giustificata dal rischio di un aumento dei prezzi". Secondo la maggior parte degli economisti, l'Eurotower potrebbe portare il costo del denaro entro fine anno all'1,75%. "Il Banco Popolare è la banca italiana più sensibile al rialzo (circa un 3,25% in più all'anno per l'Eps per ogni 0,25 alzato nel breve termine), mentre Unicredit è la meno esposta", è il commento degli analisti di Mediobanca. A Piazza Affari il Monte dei Paschi guadagna lo 0,47% a 0,534 euro e il Banco Popolare lo 0,07% a 1,519 euro. Sotto la parità Popolare di Milano (-2% a 1,60 euro), Unicredit (-0,97% a 1,324 euro) e Intesa SanPaolo (-0,46% a 1,724 euro)

COMMENTA LA NOTIZIA