1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari in deciso ribasso, Ftse Mib chiude con un tonfo del 3%. In rosso le banche

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in deciso ribasso con le vendite che sono state protagoniste già nei primi scambi di seduta. Il tutto è stato innescato dal crollo della Borsa di Tokyo dove il Nikkei ha mostrato un tonfo di oltre 7 punti percentuali dopo la pubblicazione dell’indice Pmi cinese di maggio che, secondo le stime preliminari, ha evidenziato il minimo a 7 mesi scendendo a quota 49,6 punti dai 50,4 punti di aprile. La Bank of Japan è dovuta inoltre intervenire per spegnere le tensioni sui titoli di Stato nipponici, visto che i tassi sul decennale hanno toccato l’1% per la prima volta dall’aprile 2012. A deprimere i mercati anche l’ambiguità della Fed sul futuro del quantitative easing. Gli investitori hanno snobbato il dato sulle vendite di nuove case negli Stati Uniti che ad aprile si sono attestate a 454 mila unità, meglio del consensus che era fermo a 425 mila unità. E così a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto il 3,06% a 17.008 punti.

Ondata di vendite sui titoli del comparto bancario: Intesa SanPaolo ha ceduto il 4,24% a 1,399 euro, Ubi Banca il 4,20% a 3,376 euro, Mediobanca il 4,18% a 4,906 euro, Banco Popolare il 3,86% a 1,197 euro, Monte dei Paschi il 3,57% a 0,232 euro, Unicredit il 3,70% a 4,17 euro. Pesanti ribassi anche per i titoli della galassia Fiat: l’azione del gruppo delle quattro ruote ha mostrato un ribasso del 3,69% a 5,22 euro, mentre Fiat Industrial ha lasciato sul parterre il 4% a 8,88 euro. Telecom Italia (-1,44% a 0,652 euro) è finita sotto la scure di Standard & Poor’s. L’agenzia statunitense ha abbassato il rating sul gruppo delle telecomunicazioni da BBB a BBB-, l’ultimo gradino prima del livello spazzatura (junk). L’outlook però è stabile. Su Generali (-3,01% a 14,20 euro) invece S&P ha confermato il rating A, ma le prospettive rimangono negative e “riflettono la nostra view secondo cui le condizioni finanziarie ed operative future nei mercati chiave di Generali, soprattutto in Italia, sono incerte”.