1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari festeggia dopo le europee, il PD di Renzi sopra il 40%. Spread in calo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari festeggia il sorprendente risultato delle elezioni europee, che in Italia hanno visto la schiacciante vittoria del Partito Democratico di Matteo Renzi. Quando mancano ormai i dati definitivi di pochissime sezioni, il risultato delle urne è chiaro: il PD ha conquistato oltre 11 milioni di voti che equivalgono al 40,81% del totale. Un successo che va oltre le più rosee aspettative dei dem, che avevano scommesso su un 30-33%, oltre il 25% preso da Bersani nelle ultime politiche e oltre il record di Veltroni del 2008 che si era fermato al 34%.
 

Vittoria quindi per il premier Renzi, che ha parlato di “risultato storico”, mentre il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo si ferma al 21,16% e fallisce il tanto annunciato aggancio al PD. Il risultato delle europee è stato salutato con un avvio sprint di Piazza Affari: l’indice Ftse Mib guadagna infatti oltre 3 punti percentuali portandosi di slancio sopra la soglia dei 21.000 punti (precisamente in area 21.400 punti). Discesa repentina dello spread a quota 160 punti base con il rendimento del Btp decennale ritornato al 3 per cento.

La Borsa di Milano è nettamente la migliore tra le principali piazze finanziarie del Vecchio Continente in una giornata che vede inoltre la chiusura per festività di Londra e Wall Street. Sul Ftse Mib volano i titoli bancari: Banco Popolare guadagna il 3,80% a 12,99 euro, Bper il 6,20% a 7,77 euro, Bpm il 4,70% a 0,63 euro, Intesa SanPaolo il 4% a 2,408 euro, Unicredit il 3,30% a 6,21 euro.

Tornando alle europee, tra le altre forze politiche si segnala l’arretramento di Forza Italia che è riuscita a conquistare il 16,82%. Nel Parlamento europeo vanno anche la Lega Nord (6,16%), il Nuovo Centro Destra di Alfano (4,38%), l’Altra Europa con Tsipras (4,03%). Rimane invece sotto la soglia del 4% Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale di Giorgia Meloni.

Affluenza. L’affluenza in Italia alle elezioni europee è stata pari al 58,69%, in calo rispetto al precedente 66,43% ma sopra la media Ue e con notevoli differenze tra le diverse regioni. Decisamente sopra la media nazionale l’affluenza al Centro-Nord: Piemonte (67%), Lombardia (66%), Veneto (63%), Emilia-Romagna (70%), Toscana (66%), Umbria (70%), Marche (65%). Sotto la media le regioni del Sud (Campania 51%, Puglia 51%, Calabria 45%) e le Isole (Sicilia 43%, Sardegna 42%).