Piazza Affari festeggia dopo le europee, il PD di Renzi sopra il 40%. Spread in calo

Inviato da Alberto Bolis il Lun, 26/05/2014 - 09:32
Piazza Affari festeggia il sorprendente risultato delle elezioni europee, che in Italia hanno visto la schiacciante vittoria del Partito Democratico di Matteo Renzi. Quando mancano ormai i dati definitivi di pochissime sezioni, il risultato delle urne è chiaro: il PD ha conquistato oltre 11 milioni di voti che equivalgono al 40,81% del totale. Un successo che va oltre le più rosee aspettative dei dem, che avevano scommesso su un 30-33%, oltre il 25% preso da Bersani nelle ultime politiche e oltre il record di Veltroni del 2008 che si era fermato al 34%.
 
Vittoria quindi per il premier Renzi, che ha parlato di "risultato storico", mentre il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo si ferma al 21,16% e fallisce il tanto annunciato aggancio al PD. Il risultato delle europee è stato salutato con un avvio sprint di Piazza Affari: l'indice Ftse Mib guadagna infatti oltre 3 punti percentuali portandosi di slancio sopra la soglia dei 21.000 punti (precisamente in area 21.400 punti). Discesa repentina dello spread a quota 160 punti base con il rendimento del Btp decennale ritornato al 3 per cento.

La Borsa di Milano è nettamente la migliore tra le principali piazze finanziarie del Vecchio Continente in una giornata che vede inoltre la chiusura per festività di Londra e Wall Street. Sul Ftse Mib volano i titoli bancari: Banco Popolare guadagna il 3,80% a 12,99 euro, Bper il 6,20% a 7,77 euro, Bpm il 4,70% a 0,63 euro, Intesa SanPaolo il 4% a 2,408 euro, Unicredit il 3,30% a 6,21 euro.

Tornando alle europee, tra le altre forze politiche si segnala l'arretramento di Forza Italia che è riuscita a conquistare il 16,82%. Nel Parlamento europeo vanno anche la Lega Nord (6,16%), il Nuovo Centro Destra di Alfano (4,38%), l'Altra Europa con Tsipras (4,03%). Rimane invece sotto la soglia del 4% Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale di Giorgia Meloni.

Affluenza. L'affluenza in Italia alle elezioni europee è stata pari al 58,69%, in calo rispetto al precedente 66,43% ma sopra la media Ue e con notevoli differenze tra le diverse regioni. Decisamente sopra la media nazionale l'affluenza al Centro-Nord: Piemonte (67%), Lombardia (66%), Veneto (63%), Emilia-Romagna (70%), Toscana (66%), Umbria (70%), Marche (65%). Sotto la media le regioni del Sud (Campania 51%, Puglia 51%, Calabria 45%) e le Isole (Sicilia 43%, Sardegna 42%).
COMMENTA LA NOTIZIA