1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari e Borse europee previste poco mosse in avvio, attenzione a Telecom Italia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Questa prima seduta della settimana dovrebbe avviarsi poco mossa per Piazza Affari e le principali Borse europee, in attesa di sviluppi su diversi fronti. Il mercato guarda alle prospettive economiche e alle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina in vista del G20 di fine mese. Venerdì sera il presidente americano Donald Trump si è mostrato più morbido, aprendosi alla possibilità di evitare nuovi dazi contro Pechino. Le speranze di una distensione nei rapporti commerciali tra le due maggiori potenze mondiali sono state però affievolite dalle parole del vice-presidente americano, Mike Pence, che ha sottolineato la necessità delle tariffe finché la Cina non modificherà la sua politica commerciale. In Europa le tensioni persistono intorno al dossier Brexit che potrebbe mettere a rischio il governo di Theresa May.

Occhi puntati anche sull’Italia con la questione manovra ancora aperta. La riunione straordinaria dell’Eurogruppo, che si terrà oggi e che verterà sulla riforma dell’Unione monetaria, potrebbe rappresentare una delle ultime occasioni per il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, per ribadire la bontà della manovra formulata dal governo, in attesa della pubblicazione dell’opinione della Commissione europea, prevista per mercoledì 21. In questo contesto, oggi prende il via il collocamento della quattordicesima tranche del Btp Italia da parte del Tesoro.

Tra i titoli di Piazza Affari, da monitorare Telecom Italia dopo che il consiglio di amministrazione, riunitosi ieri, ha nominato Luigi Gubitosi come nuovo amministratore delegato e direttore generale, condividendo la raccomandazione del comitato nomine e remunerazione. La nomina di Gubitosi era attesa dal mercato, dopo le ultime indiscrezioni, che lo vedevano avvantaggiato su Alfredo Altavilla, l’altro nome forte in lizza per la guida di Tim. Gubitosi ha così preso il posto di Amos Genish, sfiduciato dal cda lo scorso 13 novembre