1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Piazza Affari corre con Ferrari: Cavallino su nuovi max storici, soffrono Poste e FCA

QUOTAZIONI Cnh Industrial
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari archivia la seduta con un rialzo sostanzioso, in scia a quanto si è visto nelle altre principali piazze azionarie europee. Prosegue dunque il recupero dei listini avviato mercoledì, dopo la pericolosa flessione registrata nelle prime due sedute della settimana.

Sul fronte macro le indicazioni di maggior rilievo sono state quelle giunte dal fronte dei consumi: la fiducia dei consumatori dell’Eurozona è migliorata, attestandosi a marzo a -5 punti dai -6,2 punti di febbraio. Gli analisti si aspettavano miglioramento più contenuto a -5,9 punti.

Giornata storica anche sul fronte delle banche: oggi si è infatti chiusa l’era della TLTRO2 della Bce. Le banche hanno dato il commiato all’operazione con un boom di richieste. L’istituto guidato da Mario Draghi ha assegnato 233,473 miliardi di euro in fondi a quattro anni. Per quanto riguarda il nostro Paese, nell’ultimo appuntamento i due maggiori istituti, UniCredit e Intesa Sanpaolo, hanno rispettivamente ottenuto l’assegnazione di 24,4 e 12 miliardi di euro.

In questo quadro il FTSE Mib ha guadagnato il +1,07% terminando la sessione a 20.167,49 punti. La corsa del listino italiano ha beneficiato dell’andamento di Ferrari che con un attivo giornaliero del 4,35% ha aggiornato i massimi storici a 65,9 euro.

Il titolo dell’azienda di Maranello capitalizza al massimo l’ottimismo generato questa mattina dal report fatto circolare da Citigroup, con il quale è stata alzata la raccomandazione a Buy dal precedente Neutral e il target price a 74 euro da 48 euro.

Gli analisti ritengono che la società stia per iniziare una nuova fase di crescita e vedono “un potenziale di raddoppio dei volumi di vendita e opportunità di riduzione dei costi, con conseguente miglioramento dei margini nel corso del prossimo decennio”.

Giornata bene impostata anche per CNH Industrial, +2,56% a 8,99 euro, dopo i dati incoraggianti del mercato camion in Europa. Il mese scorso le vendite di veicoli commerciali nel continente sono cresciute del 2,7% su base annua.
Lato ribassi da segnalare Poste Italiane, peggior blue chip di giornata dopo aver lasciato sul parterre il -2% a 6,27 euro. Performance azzoppata anche per FCA, -0,79% a 10,01 euro, dopo le indiscrezioni circolate nel pomeriggio su una presunta indagine relativa alle emissioni che sarebbe stata avviata dalle autorità australiane.

L’ufficio stampa del gruppo FCA Group, contattato dalla redazione di Finanza.com, ha ammesso di aver chiesto immediatamente chiarimenti in merito alla sede australiana la quale tuttavia non ha voluto rilasciare nessun commento sul caso.

“L’andamento lasco del titolo oggi in Borsa è causato dal profit warning lanciato da Ford”, ha commentato un analista interpellato da Finanza.com. Ford prevede utili per azione nel primo trimestre in un range compreso tra 0,3 e 0,35 dollari, rispetto agli 0,47 dollari del consensus e agli 0,68 dollari dello scorso anno.