1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude sulla parità, vola CNH. Tonfo di Mediaset

QUOTAZIONI Cnh Industrial
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso sulla parità in una seduta caratterizzata da numerose storie societarie. In particolare il mercato si è focalizzato sullo scontro Mediaset-Vivendi e sui conti di CNH Industrial. Allargando lo sguardo gli investitori sono in attesa delle riunioni delle Banche cenrtrali. Domani la Federal Reserve dovrebbe confermare i tassi d’interesse, mentre venerdì la Bank of Japan potrebbe potenziare il suo piano di allentamento quantitativo. Sempre venerdì, a mercati chiusi, è attesa la pubblicazione degli stress test sulle banche europee condotti dall’EBA. Sul fronte macro negli Stati Uniti le vendite di nuove case a giugno sono salite a 592 mila unità, il ritmo più alto dal febbraio 2008, mentre la fiducia dei consumatori di luglio si è attestata a 97,3 punti, oltre le attese che erano ferme a 95,7 punti. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso con un progresso frazionale dello 0,03% a 16.697 punti.

Tonfo di Mediaset (-6,93% a 3 euro) dopo l’improvviso dietrofront di Vivendi sul dossier Mediaset Premium. Il colosso francese, confermato lo scambio del 3,5% del suo capitale e del 3,5% del gruppo di Cologno Monzese, propone di acquistare soltanto il 20% della pay-tv del Biscione e di arrivare a detenere in tre anni circa il 15% del capitale di Mediaset attraverso un prestito obbligazionario convertibile. L’Ad di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, ha quindi comunicato che non intende onorare il contratto stipulato lo scorso 8 aprile. Male anche Luxottica (-4,03% a 43,32 euro) dopo aver rivisto al ribasso la guidance per l’anno in corso. Nel primo semestre il gruppo di occhialeria ha riportato un utile a cambi costanti di 498 milioni di euro, in calo dell’1,4% rispetto allo stesso periodo del 2015. Per l’intero 2016 Luxottica si aspetta un fatturato in crescita del 2-3%. Questa mattina gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno tagliato il giudizio sul titolo Luxottica a reduce.

Di contro è volata CNH Industrial (+7,74% a 6,40 euro) che nel secondo trimestre ha riportato un utile netto di 129 milioni di euro, in crescita del 7% rispetto ai 122 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. A livello patrimoniale, l’indebitamento netto industriale è diminuito di 300 milioni rispetto a fine marzo fissandosi a 2,1 miliardi di dollari. I risultati hanno battuto le stime di consensus degli analisti e CNH Industrial ha confermato la guidance 2016 su ricavi e margini. Positiva anche Exor (+1,34% a 33,96 euro) che sposterà la sede legale e fiscale in Olanda, mentre Saipem ha guadagnato il 3,22% a 0,426 euro sfruttando la promozione di JP Morgan. Contrastate le banche con Mps (-1,23% a 0,282 euro) e Unicredit (-2,27% a 2,242 euro) finite in territorio negativo, mentre gli acquisti hanno premiato Banco Popolare (+2,51% a 2,452 euro) e Bpm (+3,56% a 0,422 euro).