1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude sopra la parità, Telecom vola sui massimi da inizio 2010 -2-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Contrastato il settore bancario che ha però recuperato terreno dopo una mattina passata nelle retrovie del Ftse Mib: Intesa SanPaolo ha guadagnato lo 0,08% a 2,38 euro, Unicredit lo 0,22% a 1,83 euro. Sono invece finite in rosso Banco Popolare (-0,65% a 2,45 euro), Monte dei Paschi (-0,94% a 0,943 euro) e Ubi Banca (-0,21% a 7,14 euro). Bene la Popolare di Milano (+0,69% a 2,91 euro) dopo la decisione del Cda di prendere ancora un po’ di tempo per definire i termini del nuovo accordo di bancassurance con i francesi di Covea, a cui piazza Meda dovrebbe cedere l’80% del business Vita e Danni. Fiat (-0,83% a 6,58 euro) ha sofferto in Borsa dopo l’ennesimo tonfo delle immatricolazioni italiane. Secondo i dati del ministero dei Trasporti, a febbraio le vendite di nuove auto sono calate del 20,49% (160.329 unità) rispetto alle 210.641 unità immatricolate nello stesso mese dello scorso anno. Più accentuata la flessione del Lingotto: -27,09% le vendite a 45.527 unità contro le 62.441 unità del febbraio 2010. Nel primo mese del 2001 le immatricolazione della casa torinese erano scese del 27,76%.