Piazza Affari chiude positiva. Svetta Buzzi, male Mediaset. Ora la Fed

Inviato da Alberto Bolis il Mer, 18/09/2013 - 17:39
Quotazione: BUZZI UNICEM
Quotazione: MEDIOBANCA
Quotazione: MEDIASET
Quotazione: INTESA S.PAOLO
La Borsa di Milano ha chiuso in moderato rialzo in attesa delle decisioni della Federal Reserve al termine della due giorni di meeting. Alle ore 20:00 la Banca centrale Usa potrebbe infatti annunciare una riduzione di 10-15 miliardi di dollari del suo piano mensile di acquisto asset. Dal 2009 la Fed ha varato tre quantitative easing e quest'ultimo vede acquisti per 85 miliardi di dollari al mese. Resterà da vedere come reagiranno i mercati con Wall Street che continua a danzare sui massimi storici. I tassi d'interesse dovrebbero essere invece confermati allo 0-0,25% e la Fed potrebbe ribadire che la politica monetaria resterà accomodante per lungo tempo. A Francoforte il Dax ha aggiornato il record storico, mentre i massimi intraday del Ftse Mib (17.879 punti) rappresentano il top da fine gennaio. Dopo due sedute nelle quali ha regnato la cautela tra gli investitori, a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,30% a 17.804 punti.

Buzzi Unicem ha svettato con decisione sul paniere principale con un balzo del 5,74% a 11,98 euro in scia alla promozione di Goldman Sachs. Gli analisti della banca americana hanno alzato il giudizio sul titolo del gruppo del cemento a "conviction buy" dal precedente neutrale, mentre il target price è stato portato a 13,3 euro da 11,7 euro. Bene il comparto bancario: Ubi Banca ha guadagnato il 2,54% a 3,958 euro, Unicredit lo 0,80% a 4,812 euro, Banco Popolare lo 0,61% a 1,148 euro, Intesa SanPaolo l'1,36% a 1,645 euro, Montepaschi lo 0,72% a 0,209 euro. Mediobanca (+2,54% a 5,245 euro) ancora ben comprata dopo aver indossato ieri la maglia rosa sul Ftse Mib. Tra i migliori di seduta anche Prysmian che pè avanzata del 2,53% a 17,86 euro. Vendite su Mediaset (-3,13% a 3,276 euro) in attesa del voto della Giunta per le elezioni del Senato che voterà sulle pregiudiziali e sulle proposte del relatore, Andrea Augello, che aveva ipotizzato di confermare l'elezione di Silvio Berlusconi.
COMMENTA LA NOTIZIA