Piazza Affari chiude positiva: brillanti i bancari, sottotono Telecom Italia

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 06/01/2014 - 17:47
Quotazione: TELECOM ITALIA
Quotazione: FONDIARIA-SAI
Piazza Affari ha chiuso la seduta positiva confermando la buona intonazione di inizio anno e sovraperformando le altre principali borse europee insieme alla Spagna. L'indice Ftse Mib, in una seduta a scambi ridotti per via dell'Epifania, ha archiviato le contrattazioni in progresso dello 0,63% a 19.233,74 punti mentre il Ftse All Share si è attestato a 20.502,50 punti in salita dello 0,64%. Buone notizie dal fronte spread con il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi che si è mantenuto in area 200 punti base. Il calo dello spread Btp-Bund, sceso settimana scorsa sotto la soglia dei 200 punti base per la prima volta dall'estate del 2011, "è un riconoscimento oggettivo dei progressi del Paese", ha rimarcato il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni. Intervistato da "La Repubblica", Saccomanni ha sottolineato come la discesa del rendimento del Btp decennale italiano sotto il 4% è indubbiamente un grande risultato e "dobbiamo consolidarlo. Sarei contento se i rendimenti dei nostri bond arrivassero al 3%".

In prima fila i titoli del comparto bancario. Banco Popolare in rialzo del 3,13% a 1,449 euro. Molto bene anche Mediobanca (+2,43% a 6,535 euro) dopo le indiscrezioni stampa del weekend secondo cui Piazzetta Cuccia starebbe valutando la possibilità di ridurre in maniera consistente il numero dei componenti del Cda oltre a modificare i contenuti del patto di sindacato. In progresso del 3,31% a 5,615 euro Unicredit, dell'1,05% a 1,828 euro Intesa Sanpaolo, dell'1,07% a 0,4648 euro Bpm, dello 0,72% a 7,015 euro Bper, del 2,15% a 0,1805 euro Mps e dell'1,54% a 5,01 euro Ubi Banca.

Buona la prima per la debuttante UnipolSai che oggi ha preso il posto di Fondiaria-Sai. Il nuovo titolo ha chiuso con un rialzo dello 0,08% a 2,45 euro. Da oggi è efficace la fusione di Unipol Assicurazioni, Milano Assicurazioni e Premafin in Fondiaria-Sai, che in quanto società incorporante è stata rinominata in UnipolSai Assicurazioni. Contestualmente, i titoli Milano Assicurazioni, Premafin e Fondiaria-Sai sono stati cancellati dal listino e pertanto rimangono due i titoli quotati della galassia Unipol: UnipolSai e il titolo della capogruppo Unipol Gruppo Finanziario.

Sulla parità Telecom Italia a 0,7575 euro, dopo che Telefonica ha chiarito di non essere coinvolta nella formazione di una società veicolo per rilevare il controllo di Tim Brasil.
COMMENTA LA NOTIZIA