Piazza Affari chiude positiva, bene Enel e Fiat

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso sopra la parità, dopo aver recuperato terreno nelle ultime ore di contrattazioni. Nonostante i dati macro provenienti dalla Cina e le trimestrali incoraggianti delle società americane, a rendere nervosi i mercati sono ancora i timori sulla situazione economica della Grecia. Resta quindi sotto i riflettori la questione del salvataggio di Atene, dopo la forte riluttanza mostrata dalla Germania. Il presidente dell’Eurogruppo, Jean-Claude Juncker, in un’intervista al quotidiano spagnolo Expansion non ha escluso che altri Paesi della zona euro possano trovarsi in una situazione simile a quella della Grecia. A Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,25% a 23.539 punti, l’All Share lo 0,28% a quota 24.049.

Fiat è balzata dell’1,02% a 9,90 euro, confermando il trend positivo della vigilia (+2,4%). Oggi il Lingotto ha beneficiato del giudizio di Bernstein che ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo da 10 a 11 euro, al di sopra delle attuali quotazioni di Borsa. Intanto il mercato è in attesa della presentazione del piano industriale in programma il prossimo 21 aprile. Secondo le anticipazioni di Automotive News, Sergio Marchionne, Ad del gruppo torinese, confermerà la produzione di 5,5 milioni di auto entro il 2014 tra Fiat e Chrysler e i tre mercati privilegiati per gli investimenti saranno Russia, Cina e Nord America. Nel piano quinquennale è inoltre prevista, con un ruolo cruciale, l’erede della Punto. Bene anche Enel (+1,56% a 4,23 euro, miglior titolo del Ftse Mib) sulla scia del buon andamento del comparto energetico in Europa.