1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in territorio positivo, balzo di Fiat -1-

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in rialzo la prima seduta della settimana, recuperando nel pomeriggio dopo le vendite che avevano caratterizzato le prime battute. A sostenere il listino la crescita oltre le attese delle vendite al dettaglio statunitensi, salite dell’1,2% nel mese di ottobre. L’attenzione degli investitori si è spostata di nuovo sulle delicate finanze dei Paesi periferici dell’Eurozona, in particolare dell’Irlanda. Il governo di Dublino ha smentito più volte di aver richiesto un aiuto finanziario, ma i numeri della “verde isola” spaventano i mercati: 50 miliardi di euro impiegati per salvare le banche che faranno schizzare quest’anno il rapporto deficit/Pil al 32%, mentre il tasso di disoccupazione sfiora ormai il 14%. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,78% a 20.993 punti, mentre il Ftse All Share è avanzato dello 0,78% a quota 21.597.

Sono così rimasti sotto osservazione i titoli bancari, quelli che più stanno risentendo delle tensioni sul debito irlandese, anche se, secondo gli operatori, l’esposizione delle banche italiane ai titoli di Dublino è molto limitata. Popolare di Milano ha ceduto l’1,47% a 3,017 euro, Banco Popolare il 3,48% a 3,53 euro (peggior titolo del Ftse Mib). L’istituto scaligero ha presentato venerdì a mercati chiusi i conti trimestrali. I primi nove mesi dell’anno si sono chiusi con un utile in crescita del 47,6% a 467 milioni, ma sull’istituto veronese hanno pesato alcune incertezze legate al piano di dismissioni e le prospettive ancora difficili per il 2011 che si accompagnano al periodo difficile per il titolo seguito all’annuncio dell’aumento di capitale da 2 miliardi.