1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in rosso: tra i bancari si salva Mps, giù Enel e Fiat -1

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la prima seduta della settimana in ribasso. Non ha giovato ai mercati l’indiscrezione, poi smentita, secondo cui la Bundesbank avrebbe potuto non più accettare i titoli greci come collaterale nelle operazioni di finanziamento. Al rumor hanno fatto seguito voci diffusesi sul mercato relativamente a una decisione dello stesso tipo assunta dalla Banca centrale tedesca anche nei confronti dei titoli portoghesi e irlandesi. A pesare è stata anche l’indicazione del Pmi manifatturiero dell’Eurozona a marzo sceso a 47,7 punti rispetto ai 49 punti della precedente rilevazione, toccando il valore più basso da tre mesi a questa parte. Dopo una partenza in rosso, Wall Street ha beneficiato del dato sull’Ism manifatturiero salito a marzo a 53,4 punti, in linea con le attese. Dal fronte Italia, il tasso di disoccupazione ha registrato a febbraio i massimi dal 2004 con un aumento di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 1,2 punti su base annua, con una disoccupazione giovanile salita al 31,9%. Estremamente volatile il mercato obbligazionario con lo spread Btp-Bund che è salito in area 330 punti base. In questo quadro a Piazza Affari il Ftse Mib è arretrato dello 0,19% a 15.948 euro e il Ftse All Share ha mostrato un calo dello 0,21% a quota 16.963.