1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, vendite sui titoli bancari

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in ribasso appesantita dalle vendite che hanno colpito il comparto bancario e dopo una settimana caratterizzata da buone performance. Ieri a Wall Street, oggi chiusa per la festa dell’Indipendence Day, l’indice Dow Jones ha superato per la prima volta quota 17.000 punti dopo i dati sul mercato del lavoro di giugno: 288 mila nuovi posti creati nel comparto non agricolo e disoccupazione in calo al 6,1%. Senza dimenticare le parole di Mario Draghi che ha dichiarato che “il lavoro della Bce non è ancora finito”. Con Wall Street chiusa gli investitori hanno spostato lo sguardo sull’Eurozona, dove in Germania gli ordini di fabbrica a maggio hanno deluso le attese mostrando una contrazione dell’1,7%. Sul secondario lo spread ha viaggiato in area 155 punti base, mentre a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso con un ribasso dell’1,48% a 21.559 punti.

Il comparto bancario è finito sotto pressione dopo l’allarme sugli utili lanciato dall’austriaca Erste Bank, che nel 2014 riporterà una perdita record in scia a maggiori accantonamenti nell’Est Europa. E così sul listino milanese Banco Popolare ha ceduto il 2,04% a 11,96 euro, Montepaschi il 2,53% a 1,50 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 2,96% a 6,72 euro, Popolare di Milano il 2,57% a 0,661 euro, Intesa SanPaolo il 3,06% a 2,274 euro, Ubi Banca il 3,45% a 6,575 euro, Unicredit il 3,20% a euro. Fiat (-1,16% a 7,62 euro) ha tirato il freno dopo una settimana brillante scandita dalle buone vendite in giugno di Chrysler negli Stati Uniti e dai segnali di risveglio delle immatricolazioni in Italia. Telecom Italia ha lasciato sul parterre l’1,46% a 0,907 euro in scia alle indiscrezioni di stampa circa la cessione della quota in Telecom Argentina. Sotto pressione Mediaset (-1,43% a 3,70 euro) con gli investitori che attendono la decisione sulla cessione della quota del 22% detenuta in Digital+.