Piazza Affari chiude in ribasso una seduta decisamente volatile -1-

Inviato da Alberto Bolis il Gio, 03/03/2011 - 17:44
La Borsa di Milano ha chiuso una seduta decisamente volatile in moderato ribasso nonostante l'andamento sprint di Wall Street. La Bce ha aperto le porte ad un primo rialzo dei tassi già nella prossima riunione. Il linguaggio della Bce è mutato decisamente rispetto all'ultimo meeting complice soprattutto il surriscaldamento dell'inflazione. Il possibile rialzo dei tassi d'interesse, già nella riunione di aprile, non è quindi più solo un'ipotesi avanzata dagli economisti. Ad aprire le porte ad un possibile aumento del costo del denaro è stato il numero uno della Bce, Jean Claude Trichet. L'Eurotower ha inoltre rivisto al rialzo le stime sul Pil e sull'inflazione 2011-2012 della zona euro. In una giornata caratterizzata da diversi cambi di direzione, a Piazza Affari il Ftse Mib ha ceduto lo 0,38% a 22.154 punti, mentre il Ftse All Share è arretrato dello 0,37% a quota 22.781.

Male la galassia Finmeccanica. La casa madre ha ceduto il 2,80% a 8,86 euro, mentre la controllata Ansaldo Sts l'1,85% a 9,80 euro. Il colosso della Difesa ha pubblicato ieri sera i conti 2010 che hanno visto ricavi per 18,7 miliardi di euro (+2,9%) e un utile netto di 557 milioni, in calo del 22,4% rispetto al 2009. Il gruppo si è detto pronto a cedere alcuni asset della controllata statunitense Drs Technlogies per raccogliere tra i 700 e gli 800 milioni di dollari. Ansaldo ha dichiarato che i ricavi 2011 potrebbero subire un impatto negativo di 80-100 milioni di euro in uno scenario di completa sospensione dei progetti in Libia.
COMMENTA LA NOTIZIA