Piazza Affari chiude in ribasso, segno meno per le altre borse europee

Inviato da Flavia Scarano il Lun, 15/10/2012 - 08:54
La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso nonostante la fiducia dei consumatori statunitensi di settembre, calcolata dall'Università del Michigan, abbia raggiunto 83,1 punti superando le attese ferme a 78 punti. I timori in Europa sono ancora focalizzati su Spagna e Grecia. A Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,78% a 15.511 punti. STMicroelectronics grande protagonista di giornata con un balzo del 6,50% a 4,686 euro. A infiammare il titolo le indiscrezioni riportate a metà giornata da Bloomberg, secondo cui la società avrebbe intenzione di attuare una divisione delle business unit per arrivare alla vendita del business dei semiconduttori per i telefoni cellulari. La società ha però smentito l'esistenza di iniziative che potrebbero compromettere l'unità della compagnia. Saipem è scivolata sul fondo del paniere principale con un ribasso del 5,36% a euro in scia al downgrade di Nomura. Debole Eni (-0,80% a 17,32 euro) nonostante i buoni giudizi degli analisti all'indomani del seminario upstream. Fiat ha lasciato sul parterre l'1,96% a 4,298 euro ma, secondo quanto riportato da Bloomberg, avrebbe trovato un accordo per la costruzione di uno stabilimento in Russia, vicino a San Pietroburgo. In rosso i titoli bancari: Popolare di Milano il 2,07% a 0,426 euro, Unicredit l'1,43% a 3,452 euro, Banco Popolare lo 0,40% a 1,236 euro, Monte dei Paschi lo 0,79% a 0,225 euro, Intesa SanPaolo lo 0,63% a 1,27 euro.

Chiusura di ottava in territorio negativo per gli altri listini del Vecchio continente. A Londra il Ftse100 ha terminato in rosso dello 0,62% a 5.793,32 punti, -0,68% per il Dax a 7.232,49 e -0,72% del Cac40 a 3.389,08. La performance peggiore è quella dell'Ibex, sceso di oltre un punto percentuale (-1,06%) a 7.652,4 punti.
COMMENTA LA NOTIZIA