1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, pesano le tensioni geopolitiche. Male le banche

QUOTAZIONI Snam
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prima seduta di settimana in rosso per Piazza Affari. A Milano l’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,47% a 20.431 punti, aumentando le perdite in scia all’andamento negativo di Wall Street reduce dai nuovi massimi storici. A pesare sui listini azionari le tensioni in Ucraina con gli investitori che restano cauti in attesa di un inasprimento delle sanzioni contro la Russia. L’altro fronte caldo è la Striscia di Gaza dove, dall’inizio dell’offensiva israeliana, le vittime sono oltre 500. In Italia da registrare la frenata degli ordini industriali, che a maggio hanno subito una contrazione del 2,1% rispetto allo scorso mese. In Germania la Bundesbank ha fatto sapere che probabilmente nel secondo trimestre l’economia tedesca mostrerà una crescita nulla. Il bollettino della Buba arriva alcuni giorni dopo che l’indice Zew è scivolato ai minimi di fine 2012.

Le vendite hanno colpito i titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha ceduto il 2,21% a 11,50 euro, Montepaschi l’1,66% a 1,298 euro, Popolare di Milano il 3,31% a 0,598 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 2,88% a 6,39 euro, Intesa SanPaolo l’1,87% a 2,202 euro, Ubi Banca il 3,21% a 5,87 euro, Unicredit il 2,21% a 5,73 euro. Prese di beneficio su Fiat (-1,72% a 7,675 euro) dopo sei sedute consecutive di guadagni. Tra i peggiori di seduta da segnalare la performance negativa di World Duty Free che ha lasciato sul parterre il 3,38% a 9,125 euro. Si è salvata Snam (+0,18% a 4,344 euro) dopo che l’Ad di CDP, Giovanni Gorno Tempini, ha dichiarato che entro l’estate si concretizzerà la cessione di una quota di minoranza di CDP Reti, holding che controlla il 30% circa sia di Snam sia di Terna. Dopo una mattinata trascorsa in territorio positivo Mediaset ha cambiato rotto ed ha chiuso con un ribasso dello 0,69% a 3,156 euro. Nei primi scambi a sostenere il titolo del Biscione era stata la decisione dell’Agcom di dare il via libera per la concessione in licenza dei diritti tv per le partite della Serie A.