1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, male le banche. Positive Telecom Italia e Finmeccanica

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in ribasso una seduta caratterizzata dal ritorno della Greca sul mercato obbligazionario. Ieri il rendimento del bond decennale greco è sceso sotto la soglia del 6%, un abisso in meno rispetto al picco storico del 44% toccato nel febbraio. Di conseguenza tutti i titoli di Stato periferici hanno mostrato rendimenti in calo: il Btp decennale è sceso sotto area 3,15% toccando il nuovo minimo storico. Oggi il Tesoro ha collocato 7,5 miliardi di euro di Bot annuali allo0 ,589%, livello che rappresenta il nuovo minimo dall’introduzione dell’euro. Nell’Eurozona il numero uno della Bundesbank, Jens Weidmann, ha dichiarato che i rischi di deflazione sono piuttosto limitati, non entrando però nel merito delle possibili misure che potrebbe adottare la Bce. A Piazza Affari, in scia all’andamento negativo di Wall Street, l’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,38% a 21.429 punti.

Le vendite hanno colpito il comparto bancario: Banco Popolare ha ceduto il 2,14% a 14,60 euro, Montepaschi il 4,29% a 0,249 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 2,67% a 8,73 euro, Intesa SanPaolo l’1,52% a 2,456 euro, Mediobanca l’1,96% a 7,72 euro, Ubi Banca il 4,09% a 6,79 euro. Positiva Finmeccanica (+0,28% a 6,97 euro) con le indiscrezioni riportate dal Corriere della Sera secondo cui la francese Thales sarebbe pronta ad acquisire Ansaldo STS e AnsaldoBreda. Bene Saipem (+2,65% a 18,14 euro), promossa da Cheuvreux a hold dal precedente reduce. Tonica Telecom Italia che ha mostrato un progresso dello 0,40% a 0,871 euro dopo aver siglato un accordo che consentirà ai clienti del gruppo telefonico di accedere all’offerta televisiva di Sky, grazie a una nuova piattaforma Ip e a un decoder dedicato. Sotto i riflettori il comparto del lusso in scia ai conti trimestrali migliori della attese di Lvmh nel settore moda e pelletteria. Gli acquisti sono stati sostenuti su Salvatore Ferragamo (+1,11% a 22,65 euro) e Yoox (+0,88% a 25,19 euro).