1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, male le banche. Balzo di STM

QUOTAZIONI Banco Bpm
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in ribasso con le vendite che sono tornate a farsi sentire sui titoli del comparto bancario, in attesa di conoscere i dettagli più precisi sulla bad bank. Questa sera il mercato penderà dalle parole della Federal Reserve, con i tassi che sono attesi invariati dopo il primo rialzo dal 2006 apportato lo scorso mese. I membri più aggressivi della Fed si aspettavano quattro rialzi dei tassi nel 2016, ma nelle ultime settimane diversi esponenti hanno ridimensionato le loro previsioni a uno o due tagli nel corso di quest’anno. Seduta altamente volatile per il petrolio dopo che ieri i prezzi erano saliti in scia allipotesi di un taglio di produzione coordinato tra Paesi Opec e no. Il Ministro del Qatar Mohammed al-Sada ha confermato che l’Opec ha ricevuto e “sta valutando” la richiesta di un incontro di emergenza. Iran e Russia guidano il fronte dei Paesi contrari ad una riduzione dell’output. In questo quadro a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,40% a 18.848 punti.

In rosso le banche in attesa di conoscere i dettagli tecnici dell’accordo sulla bad bank raggiunto tra il Tesoro e la Commissione Europea: Banco Popolare ha ceduto il 7,79% a 8,28 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 4,07% a 5,655 euro, Ubi Banca il 3,23% a 4,612 euro, Unicredit il 3,03% a 3,768 euro, Intesa SanPaolo lo 0,97% a 2,648 euro. Proseguono le forti vendite su Saipem nel terzo giorno dell’aumento di capitale da 3,5 miliardi di euro: il titolo ha mostrato un tonfo dell’11,36% a 0,55 euro, mentre il diritto ha guadagnato il 2,87% a 2,144 euro. In decisa controtendenza STM (+4,41% a 6,27 euro) che ha trovato sponda nell’annuncio di tagli della forza lavoro di 1.400 unità che porterà a risparmi annualizzati per 170 milioni di dollari al completamento del piano. Il gruppo ha riportato nel quarto trimestre 2015 ricavi netti pari a 1,67 miliardi di dollari, in calo dell’8,7% rispetto allo stesso trimestre del 2014. L’utile netto si è attestato a 2 milioni di dollari dai 43 milioni di un anno fa.

Male Generali (-1,34% a 13,96 euro) dopo la conferma dell’addio dell’Ad Mario Greco che approderà come Ceo al colosso assicurativo svizzero Zurich. Sotto i riflettori FCA (-0,85% a 6,95 euro) che ha chiuso il 2015 con ricavi pari a 113,2 miliardi di euro, in aumento di 17,1 miliardi rispetto al precedente esercizio. Battute di poco le attese del consensus che erano di 112 miliardi. L’Ebit adjusted si è attestato a 5,26 miliardi, in crescita di 1,5 miliardi rispetto al 2014. Il Lingotto ha rivisto al rialzo i target al 2018. I nuovi obiettivi riportati prevedono un utile netto adjusted nel range 4,7-5,5 miliardi di euro dai 4,5-5,3 mld precedentemente indicati. I ricavi sono visti a circa 136 miliardi di euro a fine 2018 rispetto ai 129 miliardi indicati nel maggio 2014.