1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, in rosso Eni e banche. Bene Generali e CNH

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari ha chiuso in ribasso una seduta caratterizzata da una raffica di trimestrali. Sui listini azionari ha pesato il crollo a Lisbona del Banco Espirito Santo. La banca lusitana ha riportato nel primo semestre una perdita record pari a 3,6 miliardi (3,4 miliardi nel solo secondo trimestre). Il common Equity Tier I è al 5% contro il livello minimo fissato dal Banco de Portugal al 7%. Inoltre, per la seconda volta in 13 anni, l’Argentina è in default. Buenos Aires non ha trovato nessun accordo sul debito con i fondi statunitensi e la prima scadenza sui bond ristrutturati è stata superata senza che sia stato effettuato il pagamento. Standard & Poor’s ha ridotto il rating dell’Argentina a “selective default” dal precedente “CCC-“. E così a Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha chiuso la seduta con un ribasso dell’1,51% a 20.570 punti.

I risultati di bilancio hanno condizionato l’andamento di diverse società di Piazza Affari. Finmeccanica ha ceduto l’1% a 6,91 euro nonostante i primi sei mesi del 2014 hanno evidenziato un miglioramento della perdita a 39 milioni di euro e gli ordini acquisiti sono cresciuti del 42,5% a 7,18 miliardi. Vendite anche su Eni (-1,65% a 19,06 euro) nel primo semestre ha riportati profitti per 1,96 miliardi di euro, in crescita del 7,9% rispetto ad un anno fa. Chi invece ha festeggiato i conti è stata Generali (+2,02% a 15,63 euro) che nel primo semestre ha riportato profitti stabili a 1,07 miliardi di euro e un risultato operativo in rialzo del 9,5% a 2,5 miliardi. Il coefficiente Solvency 1 si è attestato al 162% permettendo alla compagnia assicurativa di superare con più di un anno di anticipo, il target 2015 sul rafforzamento del capitale. Brillante anche CNH Industrial (+3,75% a 6,91 euro) che ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto in crescita a 358 milioni di dollari dai 348 milioni dello stesso periodo dell’anno scorso. In rosso le banche: Banco Popolare ha ceduto il 3,56% a 11,62 euro, Montepaschi il 2,17% a 1,35 euro, Popolare dell’Emilia Romagna il 3,34% a 6,35 euro, Intesa SanPaolo il 2,53% a 2,23 euro, Ubi Banca il 2,52% a 6,185 euro, Unicredit il 2,98% a 5,86 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Dopo una prima parte incerta, chiusura di ottava intorno alla parità per le borse europee. Tra le cause della risalita troviamo le indicazioni migliori delle stime arrivate dai dati macro: …

USA

Wall Street apre sotto la parità

Apertura in flessione per Wall Street in scia alle nuove minacce della Corea del Nord di un possibile lancio missilistico. Col riemergere delle tensioni geopolitiche torna la cautela sui listini …