1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, giù le altre borse europee

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso la seduta in ribasso con l’indice Ftse Mib che ha ceduto lo 0,74% a 15.520 punti. Tra i peggiori sul paniere principale Prysmian (-2,03% a 14,45 euro), con gli analisti di Mediobanca che hanno tagliato il giudizio sul titolo del gruppo dei cavi a neutral da outperform, e Fiat Industrial (-3,06% a 8,25 euro), nonostante la firma dell’accordo definitivo sulla fusione con CNH. Eni ha perso l’1,22% a 17,80 euro. Debole anche Snam (-0,58% a 3,40 euro) con gli analisti di Credit Suisse che hanno confermato la loro visione neutrale sul titolo. Debole il comparto bancario, che oggi è finito sotto la lente di Societe Generale e Nomura: Banco Popolare ha ceduto l’1,83% a 1,128 euro, Intesa SanPaolo l’1,10% a 1,258 euro, Ubi Banca l’1,20% a 2,792 euro, Unicredit lo 0,90% a 3,52 euro, Popolare di Milano lo 0,18% a 0,383 euro. In controtendenza il Monte dei Paschi che ha mostrato un progresso dello 0,25% a 0,201 euro. A2A (+4,66% a 0,406 euro) ha svettato con decisione sul paniere principale dopo aver collocato con successo venerdì un prestito obbligazionario riservato a investitori istituzionali per 750 milioni di euro.

Inizio di ottava con il segno meno anche per gli listini europei. Il tedesco Dax ha terminato con un rosso dello 0,23% portandosi a 7.292,03 e l’Ibex è sceso dello 0,44% a 7.874,8 punti. -0,56% invece per il londinese Ftse100 e -0,79% del Cac40 con i due indici che si fermano rispettivamente a 5.786,72 e a 3.500,94 punti.

Commenti dei Lettori
News Correlate
RINNOVABILI

Falck Renewables: acquisite due società svedesi

Falck Renewables oggi ha perfezionato l’acquisizione del 100% di due società a responsabilità limitata (Aliden Vind AB e Brattmyrliden Vind AB), che possiedono due progetti pronti per la costruzione in …

MERCATI

Borse europee chiudono piatte

Dopo una prima parte incerta, chiusura di ottava intorno alla parità per le borse europee. Tra le cause della risalita troviamo le indicazioni migliori delle stime arrivate dai dati macro: …