1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Piazza Affari chiude in ribasso, giù le altre borse europee

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Borsa di Milano ha chiuso in ribasso pagando la risalita dello spread e l’attesa per uno degli “election day” più in bilico della storia americana. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,43% a 15.544 punti. La risalita dello spread ha impattato negativamente sul comparto bancario: Popolare di Milano ha ceduto il 2,75% a 0,417 euro, Banco Popolare il 3,12% a 1,213 euro( sull’istituto scaligero ha pesato anche la bocciatura di Banca Akros a hold da accumulate), Ubi Banca il 2,23% a 2,988 euro, Mediobanca l’1,93% a 4,582 euro, Intesa SanPaolo il 2,13% a 1,238 euro, Monte dei Paschi l’1,72% a 0,216 euro, Unicredit lo 0,85% a 3,492 euro. Enel ha perso il 2,04% a 2,884 euro anche se Affari & Finanza di Repubblica ha offerto indicazioni positive sul colosso energetico. A due velocità i titoli del Lingotto: Fiat ha ceduto l’1,56% a 3,652 euro, mentre Fiat Industrial ha svettato con un rialzo dello 0,98% a 8,27 euro. La casa auto ha pagato i dati sulle immatricolazioni italiane di ottobre e la bocciatura di Goldman Sachs. Dopo una mattinata in territorio positivo Mediaset ha virato al ribasso arrivando a perdere l’1,82% a 1,345 euro.

Segno meno anche per le altre borse europee. In attesa di conoscere il nuovo presidente statunitense, il Ftse100 e il Dax hanno chiuso con un rosso di mezzo punto percentuale (-0,5% e -0,51%) scendendo rispettivamente a 5.839,06 e a 7.326,47 punti. -1,26% per il Cac40 che si è fermato a 3.448,5 e -1,89% dell’Ibex a 7.818,6.