Piazza Affari chiude in ribasso, contrastate le banche. Finmeccanica ancora brillante -2-

Inviato da Alberto Bolis il Mer, 28/03/2012 - 17:45
Contrastato il comparto bancario: Popolare di Milano ha ceduto il 5,36% a 0,445 euro, Banco Popolare il 2,56% a 1,525 euro, Ubi Banca lo 0,83% a 3,33 euro, Intesa SanPaolo lo 0,70% a 1,425 euro. In controtendenza Mps, che ha guadagnato il 4,94% a 0,361 euro in attesa dei conti 2011, e Unicredit (+0,45% a 3,992 euro) all'indomani dei risultati. Tra i titoli peggiori da segnalare Mediaset che ha lasciato sul parterre il 2,98% a 2,084 euro. Eni (-0,62% a 17,68 euro) sempre sotto i riflettori. Finmeccanica (+3,22% a 3,976 euro) ancora in luce dopo il +10,88% messo a segno nella seduta di ieri. I risultati dell'esercizio 2011 sono stati sostanzialmente in linea con le attese, con una perdita monstre dopo svalutazioni a 2,3 miliardi di euro, ma la guidance 2012 ha stupito in positivo gli analisti. L'Ad Giuseppe Orsi ha infatti dichiarato che la ristrutturazione avverrà senza aumenti di capitale e che nel 2012 tornerà l'utile. Bene anche Telecom Italia (+1,65% a 0,924 euro) con JP Morgan che ha alzato la raccomandazione da neutral a overweight.
COMMENTA LA NOTIZIA